Ucraina, Berlusconi rompe il silenzio sulla guerra: «Dalla Russia aggressione inaccettabile»

sabato 2 Aprile 14:12 - di Redazione
Berlusconi

«Viva Gianfranco, Viva la Democrazia Cristiana, viva l’Ambiente». Silvio Berlusconi non poteva pronunciare parole più gradite all’onorevole Rotondi. Il parlamentare, tra i più strenui e di certo il più irregolare dei suoi sostenitori, è impegnato nel congresso che ha riverniciato di verde ecologista la bianca Balena scudocrociata. Con i lavori della costituente “Verde è Popolare“, com’è consuetudine ormai inveterata, il Cavaliere si è collegato telefonicamente. Ma assolutamente non rituale è il contenuto dell’intervento. Per la prima volta, infatti, l’ex-premier ha detto la sua sulla guerra che infuria nell’Est dell’Europa. «Una crisi – l’ha definita – di fronte alla quale abbiamo un duplice dovere: lavorare per la pace e fare la nostra parte con l’Alleanza atlantica, con l’Occidente, con l’Europa, per porre fine ad un’aggressione militare inaccettabile».

Berlusconi è intervenuto al congresso di Rotondi

Chi dunque confidava in un Cav reticente sulle responsabilità russe per quanto sta accadendo in Ucraina – semmai per inchiodarlo alla sua antica simpatia per Putin – sarà rimasto certamente deluso. La kermesse di Rotondi è stata l’occasione per Berlusconi per ribadire la propria fiducia nel centrodestra. «È la nostra casa naturale. Insieme oggi sosteniamo il governo Draghi, che noi abbiamo voluto e che deve durare fino alla fine della legislatura, per completare il buon lavoro fatto finora e per fronteggiare i disastrosi effetti della crisi ucraina sul mercato dell’energia e delle materie prime».

«Il centrodestra tornerà unito alle elezioni»

Quindi, rivolto, ai verdi-dc di Rotondi ha aggiunto: «Siete parte di quel centro che è essenziale per vincere le elezioni e per avere un centro-destra di governo credibile in Europa e nel mondo». Un concetto, quest’ultimo, sul quale si è significativamente soffermato. «Il centro – ha spiegato – non può essere neutrale fra destra e sinistra, ma è alternativo alla sinistra e distinto dalla destra come lo sono i partiti del Ppe». E così sarà, assicura, alle prossime elezioni politiche, «quando si tornerà alla naturale dialettica fra due schieramenti». A chiudere, un amarcord. «Personalmente – ha ricordato Berlusconi – ho cominciato a “fare politica” da ragazzo, affiggendo i manifesti della Dc di De Gasperi nella campagna elettorale del 1948. Subii per questo anche la prima aggressione da parte di militanti comunisti».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *