Giorgia Meloni stronca il Def: “Governo a trazione Pd, va avanti a colpi di tasse e sussidi”

mercoledì 20 Aprile 20:54 - di Augusta Cesari
Meloni Def

Una delusione, ancora una volta. Via libera al Documento di economia e finanza (Def) 2022 dall’aula del Senato, che ha dato disco verde alla risoluzione di maggioranza. Ma non ci sono buone notizie. E’ Giorgia Meloni  a tracciare un bilancio amaro che non avvia nessuna misura strutturale.

Meloni a Draghi: “Persa l’occasione di dare una sferzata all’economia”

Nulla di nuovo nella risoluzione di maggioranza al Def approvata oggi.  Il Governo Draghi perde l’ennesima occasione per dare una sterzata all’economia italiana: aumentano tasse e pressione fiscale sugli immobili; nessuna misura per superare il blocco sul superbonus imposto dalle banche per la cessione dei crediti di famiglie e imprese; risorse insufficienti alla scuola e assenza di un piano per mettere in sicurezza le imprese colpite dall’aumento dei prezzi delle materie prime. Insomma, il governo dei migliori si conferma a trazione Pd e sinistra e va avanti a colpi di sussidi e tasse”. Ferma e leale è la posizione di Gorgia Meloni nei confronti del governo. Un’opposizione responsabile, che trova consensi ed elogi. Vicina all’esecutivo riguardo alla linea sulla guerra in Ucraina. Lontana dalla politica economica dei “Migliori”, deludenti e inconcludenti sulle criticità maggiori che sta vivendo l’Italia.

Def, FdI: “Fotografa un Paese in recessione”

Fermamente contraria al testo -approvato prima in mattinata alla Camera, stasera al Senato-  è Fratelli d’Italia, perché, come ha spiegato il capogruppo di Fratelli d’Italia al Senato, Luca Ciriani, ” si tratta di un documento che serve soltanto a fotografare un Paese in recessione. E la colpa di tutto ciò non è tanto della guerra in Ucraina,; ma piuttosto dei ritardi, delle omissioni e degli errori del Governo”. E spiega i punti dolenti: “Ad esempio, sulla riforma del catasto siamo convinti che vada stralciata; così come è indispensabile trovare delle soluzioni al dramma dei bonus edilizia che stanno mettendo in ginocchio le imprese. Su questi temi le soluzioni ci sono, noi abbiamo presentato proposte puntuali. Ma al Governo manca il coraggio di applicarle. E sulla crisi indotta dalle sanzioni riteniamo che: piuttosto che pensare a uno scostamento di bilancio, sia opportuno agire in Europa per un secondo Recovery Plan, finanziato dall’Ue, a favore di quelle Nazioni come l’Italia che stanno pagando un prezzo più alto rispetto agli altri Paesi”.

“C’era l’occasione per ribadire che la casa non si tocca, ma…”

“Da settimane ascoltiamo roboanti dichiarazioni sulla delega fiscale di alcuni esponenti della maggioranza che annunciano solennemente che la casa non si tocca. Oggi grazie a Fratelli d’Italia in Aula al Senato – ha aggiunto Ciriani- c’era l’occasione per ribadirlo; votando il nostro emendamento alla risoluzione al Def: nel quale chiedevano di escludere dalla delega fiscale la revisione degli estimi catastali o altre misure che vadano a incidere sulle rendite, che nei fatti gravano sulle famiglie. Invece, è stato bocciato. Spiace dover constatare che se Lega e Forza Italia avessero votato a favore, anziché astenersi, ribadendo così con un voto l’unità del centrodestra, avrebbero consentito l’approvazione di questo importante emendamento, impegnando il Governo a non aumentare la tassazione sulla casa”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Barbex 25 Aprile 2022

    Ancora una volta la Lega non fa il bene del popolo, è lampante che perderà ancora voti. Mi aspettavo più coesione e coerenza anche fa FI, ma evidentemente nei conti qualcosa non torna, tassare la prima casa è da “TSO”. La casa è il bene per eccellenza degli italiani, la Costituzione protegge e incoraggia il risparmio e in questo caso chi costruisce crea lavoro, lavoro che porta ricchezza. Evidentemente per avere un bacino di voti, meglio l’ assistenzialismo e più tasse, ma occhio: siamo alla frutta.

  • GENNARO TERMINE 22 Aprile 2022

    SEMPRE PIU’ STIMATA E CARISSIMA GIORGIA MELONI, CONDIVIDO IN TOTO LA TUA POSIZIONE E TI RINGRAZIO E TI SPRONO A CONTINUARE SU CODESTA LINEA DI DIFESA E DI PROPOSTE FAVOREVOLI ALL’ITALIA ED A NOI ITALIANI !!!
    GRAZIE !!!! GRAZIE !!!!! GRAZIE INFINITE !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    F.TO Gennaro Termine fu Oreste da ROGGIANO GRAVINA ( COSENZA )