Bollette, utenti devastati da 10 anni: +780 € annui a famiglia. Le riduzioni del governo non bastano…

lunedì 18 Aprile 13:13 - di Redazione
bollette

Il caro bollette devasta famiglie e imprese italiane da almeno 10 anni. Un arco di tempo interminabile, che ci è costato fin qui 780 euro in più all’anno per le forniture di luce e gas rispetto al 2011. Un salasso che prosegue ancora oggi, nonostante il peso di imposte e oneri di sistema sulle bollette si sia ridotto nel 2022 fino al 34,7% per effetto delle misure contro il caro-energia varate dal Governo. Ce lo dicono i dati che emergono da una ricerca condotta dall’associazione dei consumatori Consumerismo No Profit. E dal Centro Ricerca e Studi di “Alma Laboris Business School”, società specializzata in Master e Corsi di Alta Formazione e specializzazione per professionisti. Autori del report che ha analizzato l’andamento del mercato energetico. E le ripercussioni sulle spese degli utenti…

Bollette, imprese e famiglie devastate da 10 anni di imposte e rincari

Dunque, ogni famiglia italiana paga oggi 780 euro in più all’anno per le forniture di luce e gas rispetto al 2011. Un quadro che segnala disagi e malumori, che neppure gli ultimi interventi del governo contro il caro-energia, mirati a ridimensionare la stangata, riescono ad attenuare e ad ovviare del tutto. L’analisi citata, infatti, spiega nel dettaglio – e con la veridicità della matematica percentuale declinata a dati e riscontri – che nel 2011 una famiglia del mercato tutelato spendeva in media a fine anno 1.622 euro per le forniture di luce e gas. Spesa poi salita a 1.761 euro nel 2021 (+139 euro).

Bollette, lo studio nel dettaglio tra cifre e confronti

Nel confronto 2011/2021, dunque, le tariffe dell’elettricità hanno subito aumenti per +186 euro a famiglia. Mentre quelle del gas hanno registrato una riduzione per -47 euro a nucleo. La situazione cambia però sensibilmente nel 2022, a causa dei forti rincari dei prezzi energetici degli ultimi mesi. In base alle attuali tariffe, dunque, a fine anno una famiglia tipo si ritroverà a spendere in totale 780 euro in più rispetto al 2011 per le bollette dell’energia: +468 euro per la luce. +312 euro per il gas.

Sos razionamenti luce e gas: cosa comporterebbero

Non solo. Se lo stop al gas russo arriverà davvero, occorrerà anche una riduzione dei consumi. Coma ha fatto intendere il premier Draghi, del resto, l’austerity energetica è quasi una certezza. E potrebbe tradursi in riscaldamenti più bassi di un grado anche nelle abitazioni civili. In città meno illuminate di notte. E in incentivi alle aziende per ridurre le produzioni, e più carbone per creare elettricità. Se la guerra si dovesse prolungare e mettere i lucchetti ai rubinetti del gas russo, insomma, i razionamenti di luce e gas sono quasi una certezza…

Per continuare a leggere l'articolo sostienici oppure accedi