Parla Zelensky, 40 i leghisti assenti. Chi era a Londra (Pillon) e chi pensa al Donbass…

martedì 22 Marzo 20:11 - di Redazione
Zelensky Leghisti

Parla Zelensky e mancano all’appello quaranta leghisti. Solo una minoranza  fa mancare l’applauso al presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Quaranta parlamentari leghisti assenti per il discorso di Zelensky

A conti fatti, dopo i mugugni di alcuni esponenti del partito guidato da Matteo Salvini, la conta interna non lascia deluso il leader leghista, che vede accorrere a Montecitorio i suoi, come da richiesta. Alla fine della giornata gli assenti, tra i circa duecento parlamentari del Carroccio saranno una quarantina in totale.

Metà sono giustificati, l’altra metà ha fatto una scelta politica

Tra questi una metà sono quelli che ‘disertano’ l’Aula per scelta politica, i restanti invece sono parlamentari ‘giustificati’: chi in missione, chi in maternità, chi in congedo. Tutti sugli scranni (e in tribuna) i dirigenti, a partire dai capigruppo di Camera e Senato, Riccardo Molinari e Massimiliano Romeo e dal vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli.

Borghi: è stucchevole che si debbano giustificare

In Aula c’è anche Elena Murelli, deputata piacentina che non aveva nascosto che sarebbe venuta per vedere cosa avesse da dire il leader ucraino, non senza aver mostrato dubbi sui crimini commessi in quello scenario, facendo riferimento alle bande ultra-nazionaliste armate di estrema destra. Oggi sceglie il silenzio “per evitare strumentalizzazioni”.

Alcuni leghisti sono assenti per covid. Come ricorda Claudio Borghi: “Non so in quanti mancavamo, ma è una cosa del tutto stucchevole, ne ho sentiti due che avevano il covid e hanno dovuto giustificarsi, basta”, sbotta l’economista del partito interpellato dall’AdnKronos.

Micheli: il treno è arrivato con 40 minuti di ritardo

Non c’era neanche Matteo Micheli, deputato salviniano (tra i tre leghisti che avevano votato no all’invio di armi a Kiev). L’assenza di oggi a Montecitorio è però dovuta a un problema del suo treno: “Sono arrivato con 40 minuti di ritardo, poi tempo di prendere un taxi dalla stazione, sono giunto alla Camera alle 11.45, troppo tardi per ascoltare Zelensky”. Il leghista bresciano si ferma: “Preferisco non commentare, il clima è pessimo, mi tacciano di essere filo-putiniano, ma io non ho mai dichiarato nulla sulla guerra”.

Pillon a Londra per il lancio di una fondazione umanitaria

In trasferta a Londra il senatore Simone Pillon, che ha fatto sapere di essere impegnato per il lancio di una fondazione umanitaria ‘pro-vita’. “Al di là delle squallide polemiche italiote di questi giorni, ecco la ragione della mia presenza odierna a Londra”, dice Pillon. Scontata l’assenza infine del deputato Vito Comencini, che negli scorsi giorni è stato in Russia, portando la sua solidarietà ai profughi del Donbass.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *