Meloni avverte: “L’Italia è a pezzi ma il mainstream demonizza me: non mi fermeranno” (video)

venerdì 11 Febbraio 9:21 - di Gabriele Alberti
Meloni

Una Giorgia Meloni sarcastica e determinata contro il mainstream corrente è quella che parla in un video pubblicato sui suoi profili social. L’Italia è “alla canna del gas”, scrive non tanto metaforicamente Vittorio Feltri nell’editoriale di Libero riferendosi al caro bollette e alla crisi energetica.  “Ma l’argomento dominante sui media qual è? “Giorgia Meloni, tanto per cambiare”, prende nota la leader di FdI.  Se mettiamo in fila i dati usciti  da Bruxelles, con quelli arrivati da Standard & Poor’s; e ci aggiungiamo pure il terremoto inflazione record,  ci accorgiamo che è veramente difficile fidarsi delle parole del premier Draghi. L’Italia sta entrando in una crisi nera. Cosa vuol dire? chiede la leader di FdI.

La Meloni avverte gli italiani: perché ci stanno demonizzando

Cittadini e imprese schiacciati dalla crisi e da aumenti smisurati che stanno mettendo le famiglie e l’Italia produttiva in ginocchio”. Questo vuol dire. Ma la priorità di politica e media qual è? “Dare risposte veloci alle categorie in ginocchio?”, chiede ancora la leader di FdI? “No. La risposta è demonizzare l’unica opposizione al governo. Ascoltate bene cosa sta accadendo: non lasciatevi ingannare”, spiega.

Meloni: “Hanno costruito il “mostro” utilizzando mia figlia”

Da giorni e giorni l’argomento principale di politica, giornali, intellighenzia, virologi è stato l’ostracismo contro la scelta della Meloni di non vaccinare la figlia di 5 anni. Paginate su paginate, interventi in tv, tutti schierati contro una scelta familiare, personale. “Alla domanda se vaccinerò mia figlia o no, valutando rischi-benefici, ho ‘osato’ rispondere no: scelta che il governo consente”, riepiloga la leader di FdI nel video. “Eppure ho affermato solo quello che sostengono diversi Governi”, aveva scritto in un precedente post e in molti interventi tv. “Con me il mainstream non ha perso tempo: commentatori, giornalisti, ma anche i politici – gli stessi che prima sostenevano la necessità di far decidere alle famiglie – hanno palesato la propria indignazione”.

Un trucchetto mediatico e politico

Immediatamente è partita la gara a costruire  “il mostro. Per devire l’attenzione dei cittadini dalle  vere emergenze sulle quali il governo è in palese ritardo”. Prosegue la leader di FdI: “Sono arrivati a usare mia figlia per attaccarmi. Allora mi rivolgo a voi -scandisce guardando dritta negli occhi chi la ascolta- . Mi rivolgo agli italiani liberi. Abbiate coscienza del fatto che  questo gioco fatto sulla mia pelle, in realtà viene fatto per ‘fregare’ voi. Finché non si tornerà  al voto faranno di tutto per infangarci. E tutto ciò per impedire che la gente si opponga alle politiche di questo governo; per impedire che la gente voti come loro non vogliono”. Un trucchetto politico e mediatico.

“Ma non ci fermeranno, mi dispiace…”

“Ma mentre loro continueranno nel tentativo di distogliere l’attenzione dai loro fallimenti; è tenteranno di mettere gli italiani gli uni contro gli altri, noi non daremo tregua – conclude il suo intervento Giorgia Meloni. Nelle aule e nelle piazze continueremo a dare voce agli italiani che attendono risposte e che non si arrendono. Non ci fermate, mi dispiace”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *