Respinti i nomi del centrodestra. Letta: “Chiudiamoci in una stanza e buttiamo la chiave”

martedì 25 Gennaio 20:07 - di Sveva Ferri
quirinale nomi

Non importa che si tratti di «nomi di qualità», come ha ammesso a caldo lo stesso Enrico Letta. Dopo il vertice a tre Pd-M5S-Leu, il centrosinistra dice comunque no a tutte e tre le proposte del centrodestra per il Quirinale: Carlo Nordio, Letizia Moratti e Marcello Pera. Con l’unico passo verso il dialogo costituito dalla scelta di non presentare una controproposta.

Il no di Pd, M5S e Leu ai nomi del centrodestra per il Quirinale

«Prendiamo atto della terna formulata dal centrodestra, che appare un passo in avanti, utile al dialogo. Pur rispettando le legittime scelte del centrodestra, non riteniamo che su quei nomi possa svilupparsi la larga condivisione in questo momento necessaria», si legge nella nota congiunta divulgata dopo il vertice con Enrico Letta, Giuseppe Conte e Roberto Speranza e i rispettivi capigruppo. «Riconfermiamo la nostra volontà di giungere ad una soluzione condivisa su un nome super partes e per questo non contrapponiamo una nostra rosa di nomi», hanno fatto sapere ancora Pd, M5S e Leu, anticipando che «nella giornata di domani proponiamo un incontro tra due delegazioni ristrette in cui porteremo le nostre proposte».

Letta: «Chiudiamoci in una stanza e buttiamo la chiave»

Speranza ha spiegato la scelta di non indicare nome sottolineando che «non serviva fare la guerra delle due rose». Un’espressione usata anche da Letta, il quale è tornato a sostenere che poiché nessuno ha la maggioranza è necessario trovare una soluzione condivisa. Una tesi che, però, si scontra col fatto che, finora, la sinistra ha rifiutato, se non addirittura fatto muro di fronte a qualsiasi proposta giunta dal centrodestra. Dunque, Letta ha chiarito che «la nostra proposta è: chiudiamoci dentro una stanza e buttiamo via la chiave fino a quando non troviamo una soluzione». Per domani, dunque, ci si aspetta che i tre partiti votino nuovamente scheda bianca, che anche oggi è stata l’opzione ampiamente maggioritaria tra i grandi elettori.

Il centrodestra verso un nuovo vertice

E domani, prima della terza votazione, dovrebbe riunirsi di nuovo anche il centrodestra per valutare la strategia da tenere in aula. Secondo quanto trapelato, nel summit i leader dovranno decidere se votare già nel terzo scrutinio un nome della loro terna, rispetto alla quale si parla di Carlo Nordio. Poi, dalla quarta votazione in poi, quando si abbasserà il quorum, i rumors parlano di una possibile convergenza su Elisabetta Casellati, non indicata come candidata nella conferenza stampa di oggi, ma per il semplice fatto che il suo profilo altamente istituzionale la colloca naturalmente tra i papabili.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *