Omicron, Battiston: il picco degli infetti la prossima settimana e l’indice Rt si avvicina a uno

14 Gen 2022 9:40 - di Redazione

Omicron, buone notizie sul fronte dei contagi Covid, almeno secondo le previsioni di Roberto Battiston, il fisico che prevede il picco la prossima settimana. Poi la curva comincerà a scendere e tutti tireremo un sospiro di sollievo. “Può sembrare incredibile, ma Rt sta precipitando verso 1 ed il picco di infetti attivi in Italia potrebbe arrivare la settimana prossima”, dice il docente di Fisica all’Università di Trento in un’intervista a ‘La Repubblica‘. “La fiammata di infetti iniziata poco prima di Natale, potrebbe raggiungere il massimo entro una settimana e poi scendere”.

Omicron, Battiston: guardare al rapporto infetti/guariti

Quali sono i dati che indicano l’avvicinarsi del picco di Omicron? “Sono a disposizione di tutti, occorre però guardare alla variabile opportuna: il bilancio netto dei nuovi infetti quotidiani, vale a dire i nuovi infetti meno guariti e deceduti. Se un giorno si infettano 1.000 persone e se ne negativizzano 900, l’aumento netto è 100. Quando il numero di guariti è pari a quello di nuovi infetti, Rt vale 1 e la curva sta iniziando a scendere”, precisa Battiston.

I nuovi infetti non salgono più in maniera esponenziale

È arrivato a quel momento per Omicron? “Non ancora, ma i numeri degli ultimi giorni indicano un’inversione di tendenza. Venti giorni fa il bilancio tra nuovi positivi e guariti giornalieri era di +27mila, quindi si è impennato fino a +172mila – ricorda il fisico – Ma poi, al netto delle fluttuazioni quotidiane dovute alla raccolta dei dati, ha iniziato a scendere, oggi è +101mila. Il numero di nuovi infetti sta scendendo in giorni della settimana in cui di solito cresce. Insomma, da una parte i nuovi infetti non salgono più in modo esponenziale, raddoppiando ogni pochi giorni, anzi stanno iniziando a decrescere. Dall’altra aumentano i guariti: quando questi supereranno i nuovi infetti Rt sarà sotto 1″.

Battiston: continuare a vaccinarsi

La strategia migliore da adottare resta sempre la stessa: “Continuare a vaccinare, vaccinare, vaccinare. Paradossalmente Omicron ha dimostrato di essere capace di bucare la copertura, pur se con effetti per lo più blandi – sottolinea Battiston – Rischiando di provocare un lockdown di fatto. Se questo pericolo sarà scongiurato nel breve termine, dovremo tornare a occuparci di Delta, che può provocare seri problemi per la salute e che causa l’affollamento degli ospedali. Ma, per fortuna, sappiamo che contro Delta il vaccino funziona molto bene”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA