Milano, non solo violenze sessuali: gang di marocchini assalta e rapina un giovane disabile in carrozzina

venerdì 14 Gennaio 18:28 - di Marta Lima
Milano, dopo lo scandalo delle gang africane contro le ragazze a Capodanno, scossa dall'aggressione di due marocchini a un giovane disabile

Non si sono ancora spenti gli echi delle violenze sessuali ai danni di ragazze indifese, a Capodanno, da parte di gang di nordafricani, che Milano viene scossa da una nuova vicenda di criminalità di strada da parte di immigrati. Stavolta la vittima è un giovane disabile in carrozzina, spinto, aggredito, insultato e poi rapinato da una mini gang di marocchina in libera uscita.

Milano violenta, i marocchini all’assalto del disabile

Erano circa le 19 di ieri quando la vittima è stata avvicinata da due uomini che gli hanno preso il cellulare, minacciandolo di violenza fisica, mentre il ragazzo si apprestava a salire con la sedia a rotelle dalla banchina treni, al piano mezzanino della fermata Porta Genova, utilizzando il montascale. Un uomo e una donna hanno assistito alla scena e sono intervenuti per soccorrere il giovane, ma non sono riusciti a fermare i due malintenzionati. I due sono stati poi fermati in serata dalla polizia e portati in carcere. Prima il più giovane, fermato alla metro di Cadorna, poi il complice fermato in zona Lambrate. Entrambi individuati dagli agenti con l’aiuto delle descrizioni fornite dai testimoni. Il primo aveva con sé lo smartphone rubato, riconsegnato dagli agenti alla vittima.

I due aggressori hanno 22 e 28 anni

L’episodio è avvenuto l’11 dicembre scorso e in quell’occasione i poliziotti sono riusciti a bloccare subito il 22enne. In attesa di individuare il complice, gli investigatori hanno scoperto che il 22enne era stato indagato per una rapina assieme a un’altra persona e, a seguito di un confronto fotografico, è emerso che si trattava dello stesso uomo che aveva partecipato alla rapina alla metro. Il 28enne è stato trovato e arrestato ieri pomeriggio in zona Lambrate.

Violenze di Capodanno, resta in carcere Abdalllah Bouguedra

Abdalllah Bouguedra, il 21enne fermato a Torino per le violenze di Capodanno in piazza Duomo a Milano, resta in carcere a Ivrea ma il gip di Torino Lucia Minutella non ha convalidato il fermo “non ritenendo sussistere il pericolo di fuga” ipotizzato dalla procura. Lo si apprende da fonti legali. Stamane l’indagato, durante l’interrogatorio di convalida, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ora gli atti passano al tribunale di Milano competente per territorio.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *