Milano, l’affondo di Toni Capuozzo sull’Islam: “La violenza di gruppo è una tradizione con le sue tecniche”

martedì 11 Gennaio 11:15 - di Adriana De Conto
Toni Capuozzo Islam

“E’ un caso che esista un termine in arabo per definire le violenze di gruppo?“. Toni Capuozzo lancia un interrogativo e lascia sempre il segno ogniqualvolta è ospite in tv su temi forti. Non si tira indietro, non teme il politicamente corretto e sulle violenze di Milano a Capodanno ha una visione precisa, che rigira agli ospiti di Nicola Porro. Il giornalista, scrittore  e inviato di lungo corso  a Quarta Repubblica, su Rete 4, nella puntata di lunedì 10 gennaio, ha circoscritto in modo molto preciso i fatti avvenuti a Capodanno in piazza Duomo dove sono state stuprate nove ragazze. Si tratta di una cosa ben diversa dalle molestie, si tratta quasi di un “rituale” proprio di  un certo mondo islamico.

Violenze di Milano, Capuozzo: “E’ una tradizione con una sua tecnica”

“È una tradizione con delle sue tecniche- spiega Capuozzo- . Succede che nel gruppo si dividono i compiti”, spiega il giornalista. “C’è un gruppetto che isola le ragazze, un gruppo che fa cerchio per evitare che qualcuno le difenda; e c’è un gruppo che fa finta di stare dalla parte delle vittime”. Questo tipo di aggressioni, prosegue Toni Capuozzo, “sono avvenute più volte anche al Cairo. Succede anche in India dove c’è una larga maggioranza musulmana”. Insomma, conclude l’inviato Mediaset, “ci troviamo di fronte a un fatto nuovo: questo non è uno stupro fuori dalla discoteca: qui parliamo di violenza perpetrata in un luogo pubblico in presenza di molte persone. Il che rende ancora più difficile l’intervento delle forze dell’ordine“.

“Taharrush gamea”: lo stupro collettivo

Capuozzo ci tiene a far uscire il triste caso delle violenze a Milano fuori dal recinto delle banalità. Come ha fatto il mondo della sinistra. Che se la prende con la nostra società patriarcale, la mancata integrazione, preferendo il litigio politico alla comprensione della realtà. Così come accadde per gli stupri di Colonia.Capuozzo non è il primo ad avere evocato la “tecnica” inquietante. “La tecnica degli assalti sessuali in gruppo ha un termine ben preciso perché rappresenta un costume abbastanza radicato nel Nordafrica: “taharrush gamea””. Significa letteralmente “molestia collettiva”. Con questo nome si designa un‘aggressione sessuale di massa ai danni di una donna, che può anche sfociare nello stupro.Lo scrive su Fb lo scrittore Alfonso Piscitelli. “In quel tipo di società si reagisce al fenomeno in due modi il primo è la segregazione della donna. Il secondo è la mano pesante della legge. La prima risposta è assolutamente irricevibile in una società europea. Certo è che non si può pensare di continuare con il lassismo giudiziario di fronte a queste emergenze delle società multiculturali”.

Sansonetti: “La religione non c’entra”

Non è d’accordo con questa interpretazione Piero Sansonetti, anche lui ospite di Porro: “A Milano è successo che delle persone hanno aggredito una donna. Avevano una caratteristica: erano maschi. Poi andremo a vedere la nazionalità, ma innanzitutto erano maschi”, commenta il giornalista. “Cinque anni fa non eravamo molto doversi dagli arabi, poi qui è arrivato il femminismo, che ha travolto la cultura maschilista”. Non ne ha fatto una questione di religione il direttore del “Riformista”. Che derubrica i fatti gravissimi come dialettica maschilismo-femminismo. I fatti parlano da sé: sono nove i casi di abusi accaduti la notte di Capodanno in piazza Duomo a Milano. Gli autori delle violenze farebbero parte di un “branco” di giovani ragazzi, molti dei quali di origine nordafricana, filmati in alcuni video circolati poi sul web. Intanto è stato aperto dalla Procura un fascicolo per violenza sessuale di gruppo. Ad agire potrebbe essere stato un unico gruppo ma non si esclude che nelle aggressioni siano coinvolti gruppi diversi, appunto, ognuno con “compiti” diversi, come analizzato da Capuozzo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *