Toni Capuozzo, cosa stanno facendo i talebani alle donne: “E’ lecito aspettarsi il peggio”

lunedì 16 Agosto 16:44 - di Adriana De Conto
Toni Capuozzo talebani

Sulla situazione dell’Afghanistan Toni Capuozzo non nutre molte speranze circa il destino che attende il paese precipitato nel vuoto dopo lo sciagurato ritiro delle truppe Nato. Il destino peggiore lo avranno le donne e già ne abbiamo avuto un assaggio. Il giornalista e conduttore televisivo è uun esperto di politica estera, inviato sui fronti più caldi. E il suo giudizio è una bussola preziosa. Le donne afghane saranno “bottino di guerra” dei talebani. E secondo Toni Capuozzo “è lecito aspettarsi il peggio”. I n collegamento con Morning News su Canale 5, fa un discorso realistico,  non mostra molte speranze per i destini del Paese, snodo cruciale nella lotta al terrorismo islamico globale.

Afghanistan, Toni Capuozzo: i talebani hanno “sbianchettato” le donne dalle vetrine

Capuozzo insiste in maniera drammatica sul destino delle donne. Le immagini che hanno ripotato i media internazionali parlano chiaro: “Gli uomini che abbiamo visto, intenti a cancellare la figura dalle donne dalle vetrine, – spiega il giornalista – sono gli stessi commessi e proprietari dei negozi. Lo hanno fatto poche ore prima dall’arrivo dei talebani perché sanno quello che aspetterà loro“. Capuozzo, conduttore del programma di approfondimento Terra!,  vede solo uno spiraglio esile in tanta desolazione: “A noi non resta che augurarci che i talebani di oggi siano meno rigidi dei loro fratelli maggiori che hanno combattuto 20 anni fa“.

Toni Capuzzo: “Quella speranza davvero esile”

Una speranza davvero esile. “Il nuovo capo del governo – ragiona Capuozzo a proposito dei talebani – ha promesso magnanimità. Certo sarà difficile che questa possa spingersi oltre a rinunciare a un’ondata di vendette. I diritti delle donne e le libertà conquistate passo dopo passo in questi venti anni, pure solo quella di potersi istruire – conclude -: credo che tutto questo sia drammaticamente in forse. Bisogna tenere presente che una concezione della donna come angelo schiavo del focolare è presente in tutto l’Afghanistan”, avverte. E non è, dunque, solo un problema legato ai talebani di nuovo al potere. Afghani armati di  pennello hanno cancellato  le pubblicità che ritraggono donne con il capo scoperto, vestite all’occidentale e truccate.  Due poster murali sono già coperti, nell’ultimo si vede ancora, per poco, il volto della modella. I talebani stanno “sbianchettando” le donne. Lo stesso è accaduto nei negozi di estetica e di parrucchieri dove erano esposte foto di ragazze con le chiome scoperte. “Sanno quello che li aspetta”, commenta il giornalista. Vedremo se davanti al mondo che li guarda sarà qualcosa di diverso dagli orrori del passato

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *