Toni Capuozzo: «La nostra cultura non può essere rappresentata da una islamica»

mercoledì 27 Giugno 13:47 - di

Sta incendiando il dibattito politico la decisione del centrosinistra in maggioranza nel Consiglio comunale di Milano di piazzare alla presidenza della Commissione cultura la consigliera islamica dem Sumaya Abdel Qader. La candidatura  sostenuta da buona parte del  Pd, scatena le proteste della destra. Critiche anche dalla maggioranza. A sollevare dubbi sull’opportunità e sensatezza della scelta è stato anche il giornalista Mediaset Toni Capuozzo, che mette subito in chiaro un concetto di fondo che la figura di Abdel Qader mette in campo. Ed è appunto la cultura. Il problema evidenziato da Capuozzo è tutt’altro che irrilevante quando si pensa ad affidare un incarico di questo tipo. Ed è la sua scelta «di portare il velo, scelta libera e rispettabile – dice Capuozzo – nella vita privata come in quella pubblica, ma mi fa dire che non è il profilo migliore per rappresentare le molte facce della cultura milanese. Se per Cultura – e cultura in una città europea-  intendiamo anche valori irrinunciabili quali i diritti della donna, questa non è integrazione, è multiculturalismo distratto, facilone: il contrario di un dialogo franco, rispettoso ma intransigente sui diritti e sui doveri».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Federico 5 Luglio 2018

    Cosa darei per vedere le Kompagne con tatuaggio nella cannata del c**** essere piombare in un regime islamico e vedere i loro barbuti mariti portare le figliolette a infibulare… mi basterebbe un mesetto.

  • Ale 5 Luglio 2018

    Ecco I SOLITI LUOGHI COMUNIII!!! Andatr a confessarvi va… E in che modo nonn puó rappresentare la nostra cultura? sapete già cosa dice e farà? proporrà preghiere e concerti islamici? ridicoli. Sapete chi sento parlare meglio l’accento e la parlantina milanese? dai figli degli ex-stranieri! Ma essere normali e razionali perché é così difficile?

  • Gerardo Vicidomini 2 Luglio 2018

    L’ASINIstra non smette mai di stupirmi. Alla fine il buonismo ci seppellirà………o no??? Svegliamoci o sarà tardi.

    • Antonio 5 Luglio 2018

      Ma scusa Ale una mussulmana non laica ma praticante, il velo ne è la spia, come può promuovere, difendere la nostra cultura ebraico/cristiana e occidentale che sono in netto contrasto con l’Islam. Potrebbe. Magari essere utile in altri campi ma non li

  • Antonio Gulli 1 Luglio 2018

    Caro Toni Capuozzo, lasciamo pure che i soliti pdioti facciano queste stronzate da beceri ignoranti travestiti da intellettualoidi acculturati e infarciti di idealismi etici da crisi adolescenziale. E sai perchè dobbiamo augurarci che continuino su questa via? Per il semplice motivo che è proprio questa la strada che li sta conducendo all’autodistruzione. Ben vengano dunque queste pdiozie: alle prossime elezioni ci riprenderemo anche Milano. E cacceremo poi noi queste farneticanti cretinerie.

  • Vanna Sibilla 28 Giugno 2018

    Proposta oscena che faciliterà il progressivo avanzamento del partito islamico, la legalizzazione della sharia…e quindi della pedofilia, della poligamia…della sottomissione ad Allah kebar…Allah e’ il più grande…gli altri poveri infedeli inferiori…cioè noi!!i sinistri collaborazionisti islamici vanno annientati favoriscono la cancellazione dei diritti umani…della costituzione…e della democrazia…tramite islamizzazione…realizzano il sogno di Gheddafi…dei oanislamisti che usano la takia …l inganno x Maometto non e’ peccato…ci ingannano con continuare a dire islam pace ma se si va a tradurre islam significa sottomissione…e noi lo siamo già …grazie ai sinistri traditori…l islsm e’ incompatibile con la costituzione, con i diritti umani,con la democrazia…x apostasia c e’ la morte…va dichiarato illegale oppure sara’ la NS autodistruzione..

  • francesco granieri 28 Giugno 2018

    Non mi sembra proprio il caso. Può rappresentare la Sua di cultura non certo la Nostra soprattutto che è, giustamente, molto legata alla sua.

  • Cristiana Bollini 28 Giugno 2018

    Come buttare al vento anni ed anni di femminismo portato avanti dalle donne di sinistra all’ortiche!!!

    • Silvia 28 Giugno 2018

      Ma e’ Quello che mi sto chiedendo da un po’, ma le femministe di sinistra dove sono??? Vale solo andare in piazza a manifestare contro il fascismo… per la cultura con la donna sottomessa tutte zitte????

  • Engy 28 Giugno 2018

    Proposta ridicola.
    Se qualcuno si fosse azzardato a proporre un/una cattolico/a praticante, ci sarebbe stata una sollevazione generale!

  • Mara montanar 28 Giugno 2018

    Un motivo in più per continuare a difendere l’italia è la sua cultura….quello che ormai poche nazioni lo fanno…Oriana aveva ragione!!!!

  • Leonardo Corso 28 Giugno 2018

    per favore fuori dall’italia dalla nostra cultura e fede. non se ne può piu dei sinistrati, basta e via la cultura islamica dall’italia .la nsotra fede è il Cristianesimo chi vuole rimanere in italia si converta oppure fuori dalle.P…..

  • doriana santinato 28 Giugno 2018

    e in che modo questa signora rappresenterebbe la cultura italiana????????..l’apoteosi dell’assurdo!!!

  • Laura Prosperini 27 Giugno 2018

    verissimo solo noi italiani radicati possiamo rappresentare la nostra millenaria cultura
    ma i globalisti non vogliono che si studi il latino, il greco, la Storia l’italiano ma solo le materie tecniche al max. le scientifiche affinchè…
    piano piano queste fortissime radici millenarie non si annacquino gradualmente così…
    non ci sarà più nulla da tramandare, niente da rappresentare se non IL CONTEMPORANEO (inteso come periodo)
    e quindi tutti di tutto il modo potranno rappresentare il contemporaneo che vivono loro stessi
    Incrementiamo gli studi Classici, possibilmente i vecchi testi 8senza troppe foto e colori sgargianti)
    le generazioni future ci ringrazieranno.
    Niente direttori dei musei stranieri niente nostri rappresentanti non Italiani radicalizzati

  • Roberto Canè 27 Giugno 2018

    E’ tempo di parlare chiaro e di agire di conseguenza: i migranti sono solo ospiti, in massima parte indesiderati e indesiderabili, NON i padroni di casa.
    In Italia, e nel resto dell’Unione, occorre un secondo 1789.
    L’accoglienza conduce all’orrore tribale, il Populismo conduce alle stelle.

    • Giulio Centenio 27 Giugno 2018

      Hai perfettamente ragione! ce ne vuole un altro!!!

  • Giuseppe Tolu 27 Giugno 2018

    La vergogna delle vergogne! Non sanno più cosa inventarsi per istigare le persone a parlare di razzismo e parlar male così del centrodestra

  • Donald 27 Giugno 2018

    venduti all’islam… arriverà il giorno dei processi ai traditori…la storia si ripete, l’islam sarà ricacciato indietro e ci ricorderemo dei collaborazionisti…