“No, lasciateci!”. Ragazzine molestate dagli immigrati, spunta un altro video. Sardone: “Milano come Colonia”

venerdì 7 Gennaio 13:20 - di Marta Lima
Un nuovo video documenta l'aggressione delle ragazzine a Milano da parte di immigrati nordafricani durante la notte di Capodanno

“No, no, lasciateci…”. Voci arabe, forse nordafricane in sottofondo, nelle immagini si intravedono due ragazzine che scappano da chi prova a mettergli le mani addosso, a palpeggiarle. E’ il secondo video della folle notte di violenza e suprusi consumatasi a Milano a Capodanno, in stile Colonia 2016, quando in piazza si scatenatorono bande di immigrati, soprattutto siriani, che presero di mira donne e ragazze del posto. Quel nuovo video, che pubblichiamo in basso, sarebbe ora al vaglio degli inquirenti insieme con quello di Alanews , che mostra prima della mezzanotte due ragazze straniere accerchiate da numerosi giovani. Spaventate, in lacrime, schiacciate contro le transenne, provano a tenerli a distanza, invocano aiuto.

Le ragazzine aggredite a Milano e la denuncia della Sardone

“Il nuovo video su quanto successo la notte di Capodanno in Piazza Duomo apre scenari sempre più inquietanti e drammatici. La scena di due povere ragazze costrette agli abusi di decine di ragazzi si somma alla denuncia di violenza già inviata da un’altra giovane e alle segnalazioni di altre molestie e rapine. Ci sono state quindi violenze sessuali di gruppo e diverse ragazze sono state abusate e picchiate. Si può a questo punto dire che quanto accaduto a Milano la notte di Capodanno sia molto simile a quanto avvenuto a Colonia la notte di Capodanno del 2016 quando furono centinaia le aggressioni a danni di donne da parte di giovani immigrati”, afferma in una nota Silvia Sardone, eurodeputata e consigliere comunale a Milano in quota Lega.

“Anche in questo caso – rimarca Sardone – come si evince dai video e dalle testimonianze, i protagonisti sono giovani stranieri visto che si sente chiaramente che parlano non in italiano. Nulla che sorprenda, l’idea della ‘donna sottomessa’ è una costante in molte comunità islamiche non moderate. Se non ci fossero stati gli interventi delle forze dell’ordine presenti in piazza saremmo qui a parlare di decine di violenze. A questo punto vogliamo la verità: cosa è successo in Piazza Duomo? Quanti sono i casi simili? Come mai si è permessa questa situazione? E’ ormai evidente che ci fossero branchi di stranieri pronti a reati e a violenze sulle donne. Tra l’altro mi chiedo dove siano le femministe di fronte a chiari abusi verso le donne. Forse sono più interessate alla questione del linguaggio di genere”.

Conclude Sardone: “In questo contesto ricordo che l’assessore alla sicurezza del Comune di Milano disse ‘tanta gente, tanti botti, nessun problema’ su quanto avvenuto in piazza. Una sottovalutazione incredibile a cui si aggiungono il silenzio del sindaco e della sinistra. Evidentemente a loro non interessa se nella principale piazza di Milano, in un giorno di festa, diverse giovani donne siano abusate, tra pianti e urla, da decine di delinquenti”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *