Governo dei leader, il Pd gela Salvini: «Non se ne parla». La replica: «È proprio il partito del “no”»

mercoledì 12 Gennaio 20:16 - di Michele Pezza
Salvini

In teoria starebbero cercando un punto d’incontro sulla partita del Quirinale prima che si trasformi in un rompicapo. Nella realtà litigano sul governo che verrà. È così: Lega e Pd sono ai ferri corti dopo che ieri, dagli studi di Porta a Porta, Matteo Salvini ha lanciato l’idea di un esecutivo retto da Draghi con dentro i leader di partito. «È tattica», tagliano corto dal Pd. Al Nazareno interpretano la sortita del leader leghista come un diversivo: «Butta la palla in tribuna mentre il dibattito nel centrodestra è congelato dalla candidatura al Colle di Berlusconi». Ma è una chiave di lettura sdegnosamente respinta dai salviniani.

Salvini lo ha proposto per l’ultimo anno di legislatura

«Il Pd – replicano – si conferma il partito dei “no“. Ha detto “no” al tavolo dei leader, all’impegno diretto dei segretari a sostegno di Draghi, al tavolo per l’energia e, infine, a una personalità di centrodestra per il Quirinale. Chi dice sempre e solo “no”, non aiuta l’Italia». Il problema non è il governo ma il Colle. Il Pd non accetterà alcuna proposta fintanto resterà in campo la candidatura del Cavaliere. Ovviamente, Letta e compagni voglio evitare di apparire come quelli che pongono veti sulla persona Berlusconi e s’industriano a cercare una motivazione politica. «Se parli di governo dei leader e contemporaneamente tieni in campo una proposta definita con Giorgia Meloni – dicono a Salvini – non sei credibile».

Ma i dem vogliono solo eliminare l’ipotesi Berlusconi al Colle

La «proposta» è, appunto, la candidatura del Cavaliere al Quirinale. È il motivo per cui i dem hanno accolto con favore la notizia, diffusa dallo stesso Salvini, della convocazione per venerdì prossimo del vertice del centrodestra. «Questo aiuta sicuramente il chiarimento e speriamo avvicini l’inizio di una discussione vera sul Quirinale e su un patto di legislatura – hanno fatto sapere -. La faremo animati da spirito costruttivo». Ma Berlusconi è un rebus anche per una parte del centrodestra. Non è tanto in discussione la sua candidatura quanto la sua riuscita. FdI, Lega e le formazioni centriste prima di farne una bandiera irrinunciabile vogliono capire se potrà effettivamente sventolare. Una certezza che (forse) arriverà venerdì.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *