Francia, Zemmour: «Scuole per bimbi disabili». Poi rettifica, ma non riesce ad evitare la bufera

lunedì 17 Gennaio 19:16 - di Redazione
Zemmour

Se voleva mettersi al centro della tensione più che dell’attenzione, Èric Zemmour c’è riuscito alla grande. Il candidato ultranazionalista alle presidenziali francesi, nonché scrittore e firma di punta di Le Figaro, è un polemista di razza. Stavolta, però, come informa il Giornale.it, ha finito per irritare tutti attirandosi commenti negativi non solo dall’area del presidente Macron e dalla sinistra di Jean -Luc Melenchon, ma persino dai neogollisti e dalla sovranista Marine Le Pen. Tutta colpa di un proposta («male interpretata», secondo Zemmour, che ha parlato di «menzogne») sul ritorno a classi scolastiche specifiche per alunni disabili.

Anche Le Pen e Pécresse contro Zemmour

«Intendevo dire che non voglio che l’ossessione per l’inclusione ci privi e ci porti a trascurare la necessità di istituzioni specializzate», ha provato a spiegare lui a polemica ormai rovente. Decisamente più “potabili” le sue precedenti proposte sulla scuola: il ritorno del grembiule e la fine dell’insegnamento dell’inglese alle elementari. In un programma fortemente identitario come il suo, ci stanno tutte. Non così, il tema della disabilità. La prima a commentare le parole pronunciate da Zemmour è stata Sophie Cluzel, ministro per la Disabilità, che ha bollato come «pietose» le sue dichiarazioni. È stata proprio questa reazione a consigliare al candidato nazionalista di rettificare.

Per l’Eliseo si voterà nel prossimo aprile

Ma il parziale dietrofront non gli è servito a molto. Il leader dei deputati repubblicani, Damien Abad, lui stesso disabile, ha definito “scandalosi” i propositi di Zemmour. «– ha scritto in un tweet – dobbiamo essere ossessionati dall’inclusione. Chiedo scuse pubbliche». Ma lo scrittore, come già riportato, si è attirato strali anche dalla Le Pen. La leader del Rassemblement Nationalche contende a Zemmour il posto al ballotaggio – ha definito «imperdonabile» la volontà dell’antagonista di «aggredire i bambini più deboli portatori di disabilità». E se e il candidato comunista, Fabien Roussel, ha evocato la «società dell’apartheid», la candidata gollista Valerie Pecresse ha stigmatizzando la «brutalità» delle dichiarazioni di Zemmour.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *