Miss Italia, due ragazze positive: salta la finale. Patrizia Mirigliani si commuove dando la notizia (video)

mercoledì 15 Dicembre 13:32 - di Luciana Delli Colli
miss italia

Salta per Covid la finale di Miss Italia. L’evento era previsto per domenica al Casinò di Venezia, dove per la prima volta avrebbe ricevuto un premio anche la concorrente più social. Invece tanto le 20 finaliste, quanto gli appassionati della manifestazione dovranno aspettare gennaio per sapere chi sarà la vincitrice. Nell’ambito dei controlli quotidiani, infatti, sono emersi due casi di contagio tra le concorrenti e l’organizzazione, di concerto con gli altri soggetti coinvolti nella realizzazione del concorso, ha deciso di rinviare il gran finale.

La finale di Miss Italia rinviata a gennaio

«Al fine di tutelare le ragazze, il personale del concorso, quello della produzione televisiva e tutti coloro che collaborano alla realizzazione dell’evento, insieme al sindaco Luigi Brugnaro, abbiamo deciso di sospendere l’evento e di rinviarlo al prossimo mese gennaio, anche in attesa dell’evoluzione della situazione epidemiologica in generale», ha spiegato la patron di Miss Italia, Patrizia Mirigliani, che ha comunicato la notizia in anteprima alle ragazze nel corso di un incontro, ripreso su Instagram, nel quale si è anche commossa.

Mirigliani: «Molto dispiaciuti, ma la salute viene prima»

«Siamo molto dispiaciuti, ma – ha aggiunto – siamo certi di avere deciso in modo giusto, perché la salute viene prima di tutto e lo spirito di Miss Italia è stato sempre quello di guardare, in primo luogo, al bene delle ragazze». «Per noi la sicurezza delle persone viene prima di tutto», ha spiegato a sua volta il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ringraziando «l’organizzazione di Miss Italia, del Comune di Venezia e di Vela spa per l’azione a tutela delle ragazze e dei collaboratori».

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Miss Italia (@missitalia)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *