Verona, irriducibile No Vax incinta intubata e in fin di vita. Il feto resiste, si tenta un disperato salvataggio

martedì 23 Novembre 18:28 - di Marta Lima
La tragedia di una donna veneta No Vax incinta e affetta da Covid: la bambina che porta in grembo rischia di morire con lei
Le parole del marito non lasciano molte speranze alla donna No Vax ricoverata nella terapia intensiva dell’ospedale di Borgo Trento, a Verona, incinta: “Sono distrutto. Proprio adesso mi hanno telefonato dall’ospedale per dirmi che anche mia moglie, infettata, è peggiorata”, riferisce l’Huffington Post. Il feto di una femminuccia, tra il quinto e il sesto mese di gravidanza, ha una polmonite gravissima e i medici stanno tentando disperatamente di salvare lei e la mamma, una No Vax convinta, insieme con il marito, che per giorni si era rifiutata di andare in ospedale per curarsi da sola a casa.

La No Vax incinta e la lotta dei medici per salvare lei e il feto

L’insegnante, contagiata con tutta la famiglia non vaccinata è incinta di 6 mesi ed era stata trasferita da Trieste per essere sottoposta alla circolazione extracorporea che permette l’ossigenazione del sangue. Anche il marito e la mamma della donna sono stati contagiati dal Covid, a conferma di una volontà familiare di non vaccinarsi.

Secondo i medici che la stanno curando, anche se la donna dovesse riprendersi, il feto rischia comunque di nascere con danni cerebrali determinati dalla mancanza di ossigenazione adeguata.  Enrico Polati, direttore dell’unità operativa complessa di anestesia e rianimazione dell’azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona, al Corriere del Veneto non si sbilancia sull’evolversi del quadro clinico della donna. “La paziente è sottoposta a ventilazione, il bambino che porta in grembo sarà tenuto in pancia il più a lungo possibile”.

La donna e il marito, per le loro convinzioni No Vax, erano arrivati al punto di iscrivere l’altra figlia in una scuola materna slovena, dove non esiste l’obbligo di sottoporre i bambini a vaccinazioni pediatriche.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *