Pensioni, spunta “Quota 82”: ecco come funziona e quali sono i requisiti per tagliare la corda prima

mercoledì 3 Novembre 12:10 - di Giorgia Castelli
Quota 82

Le pensioni continuano a tenere banco. Per alcuni lavoratori c’è la possibilità di andare via dal lavoro prima e usufruire di “Quota 82“. A illustrare i meccanismi della misura è il Giornale che spiega di che cosa si tratta e come funziona e chi può usufruirne.

Nel dettaglio le aziende con almeno 50 dipendenti possono attivare il “contratto di espansione” e offrire al loro dipendente l’uscita dal mondo del lavoro con soli 62 anni di età almeno 20 di contributi.  In sostanza “Quota 82” offre uno “scivolo” fino a cinque anni secondo quanto previsto dalla manovra 2022 approvata in Consiglio dei ministri la settimana scorsa. «In questo modo, si offre un pensionamento anticipato per accelerare la crescita e la competitività delle imprese grazie alle nuove assunzioni», scrive il quotidiano.

Quota 82: ecco chi può accedere

Ecco chi sono i lavoratori che potrebbero richiederla. A beneficiarne i lavoratori che raggiungeranno i requisiti per la pensione di vecchiaia nel 2022 (a 67 anni); chi avrà maturato il requisito minimo contributivo (come detto, almeno 20 anni); chi si trova a non più di cinque anni dal raggiungimento della pensione anticipata. Quindi, si rivolge a chi ha compiuto 62 anni ed ha almeno 20 anni di contributi (pensione di vecchiaia) e chi ha «almeno 36 anni e 10 mesi di contributi (se uomini) ovvero 35 anni e 10 mesi (se donne), a prescindere dall’età (pensione anticipata)», come riporta ItaliaOggi.

Quota 82: i contributi da versare

E poi ancora altri dettagli. Se dovesse prevalere il diritto alla pensione anticipata,  si legge sul Giornale, il datore di lavoro dovrà versare i contributi per conseguire quel diritto ad esclusione «del periodo già coperto dalla contribuzione figurativa a seguito della risoluzione del rapporto di lavoro», secondo quanto scritto sul regolamento. E infine, conclude il quotidiano, nel calcolo dei cinque anni, chi decide di andare via prima dovrà calcolare la finestra di tre mesi: a quel punto scatta “Quota 102“, con pensione anticipata a 64 anni d’età con almeno 38 di contributi.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *