Il Trattato del Quirinale non convince FdI. La Meloni: «Ci guadagnerà il Pd, non certo l’Italia»

26 Nov 2021 16:57 - di Redazione
Trattato

Piace tanto a Forza Italia e molto meno a Fratelli d’Italia il cosiddetto Trattato del Quirinale stipulato oggi a Roma tra Italia e Francia. Se per il berlusconiano Antonio Tajani segna l’inizio di «una nuova collaborazione» che renderà «l’Italia più forte in Europa e l’Europa più forte nel mondo», per Raffaele Fitto, di FdI, «restano perplessità sia sul metodo sia sul contenuto». Il co-presidente del gruppo dei Conservatori e Riformisti a Strasburgo riguarda le opacità che avvolgono il trattato firmato oggi da Draghi e Macron.

Le «perplessità» di Fitto sul Trattato

Il metodo, appunto. «Perché – spiega – è vero che ora dovrà essere ratificato dal Parlamento italiano. Ma – aggiunge – purtroppo arriva già pre-confezionato senza che ci sia stato un confronto chiaro sui contenuti». È l’altro capitolo del Trattato che desta le perplessità di Fitto. L’esponente di FdI chiede in che modo «si declinerà la cooperazione rafforzata in molti dei settori individuati». Perplessità più che legittima, visto che parliamo di uno spettro di interessi che va «dagli affari esteri, alla sicurezza e difesa, allo spazio, alla cooperazione economica, industriale e digitale». In più, ricorda, «la Francia è stata il primo investitore straniero in Italia nel 2019, mentre gli investitori italiani sono solo all’ottavo posto nel paese d’Oltralpe».

La leader della destra: «Delega in bianco a Parigi»

Così com’è incontestabile che i francesi hanno fatto shopping dei nostri marchi commerciali, rimangiandosi gli accordi (come Fincantieri-Saint Nazaire) in caso contrario. E poi c’è il capitolo della politica estera. «La Francia – ricorda l’esponente di FdI – è stata il principale competitor degli interessi italiani nel recente passato. Occorre, quindi fare chiarezza sugli obiettivi di questo trattato e sui benefici per l’Italia. E soprattutto evitare che sia l’ennesimo tentativo di subordinare gli interessi di Roma a quelli di Parigi». Caustico anche il commento di Giorgia Meloni. «Di fatto – scrive in un tweet la leader di FdI – abbiamo dato una delega in bianco a Parigi per trattare a nome nostro. Temo che l’Italia non ci guadagnerà, a differenza del Pd».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA