Donne che odiano le donne, aggredita la calciatrice del Psg: arrestata la compagna di squadra

giovedì 11 Novembre 11:13 - di Mia Fenice
calciatrice

Una calciatrice della squadra di calcio Paris Saint Germain, la centrocampista 26nne Aminata Diallo, è stata arrestata perché sospettata di essere la mandante dell’aggressione subita in strada da una sua compagna di squadra, la 31enne Kheira Hamraoui, giovedì scorso. Come riporta l’Adnkronos, lo rivela L’Equipe. La notizia è poi stata confermata dal Psg.

Il pestaggio della calciatrice del Psg

La sera del 4 novembre Diallo aveva riaccompagnato la vittima a casa, secondo quanto ricostruito dalla rivista francese, dopo una cena organizzata dal Psg in un ristorante della capitale. All’arrivo due sconosciuti si sono avvicinati al veicolo e se la sono presa con Hamraoui, colpendola più volte con una spranga di ferro. La calciatrice è stata portata all’ospedale di Poissy dove le sono stati messi punti a mani e gambe.

Il comunicato del club

Ferita, Hamraoui ha dovuto saltare il match casalingo di ieri valido per la Champions League femminile contro il Real Madrid e al suo posto era stata schierata titolare la stessa Diallo. «Il Paris Saint-Germain prende atto del fermo di polizia di questa mattina di Aminata Diallo nell’ambito della procedura aperta a seguito di un’aggressione, giovedì sera scorso, ai danni di giocatori del club», ha affermato il club in un comunicato stampa.

Le indagini

Come riporta il Corriere della Sera, le indagini inizialmente non seguono la pista della rivalità tra le due campionesse e amiche in lizza per lo stesso posto in squadra. «I poliziotti – si legge nel quotidiano milanese – interrogano le compagne, alcune riferiscono di avere ricevuto telefonate anonime, nei giorni precedenti, con insulti e accuse contro Kheira Hamraoui. Viene analizzato il traffico telefonico, e salta fuori che quelle chiamate sono state effettuate nei pressi di Lione, vicino alla prigione di Lyon-Corbas dove è incarcerato un amico di Aminata Diallo, condannato per estorsione dopo una breve carriera nelle giovanili dell’Olympique Lyonnais. Così la polizia risale alla compagna di squadra».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *