Scoppia il caso Giarrusso: «Costretto a parlare in inglese rinuncia all’intervento». Lui si difende: «È una fake»

giovedì 28 Ottobre 15:27 - di Redazione
Giarrusso Ansa

Scoppia il caso di Dino Giarrusso. Ieri sera Massimo Giletti Non è l’Arena su La7 ha mandato in onda un video. Sul sito de La7 si legge: «Gaffe di Dino Giarrusso in Commissione agricoltura del Parlamento europeo. Costretto a parlare in inglese per l’impossibilità di accendere la telecamera, Giarrusso si interrompe e dopo poche parole rinuncia all’intervento».

Giletti: «Se noi mandiamo in Europa…»

Ecco che cosa è successo. «Se noi mandiamo in Europa delle persone che non sanno parlare l’inglese, è un problema», ha detto il conduttore prima di mandare in onda il servizio. All’inizio del filmato si vede che viene data la parola al deputato: «Giarrusso, può intervenire. Prima di iniziare dovrebbe attivare la sua telecamera». «Non posso perché ho il telefono, posso solo accendere il microfono», risponde lui in inglese.

Le parole di Giarrusso

A quel punto l’europarlamentare del M5S Giarrusso inizia a parlare: «Colleghi, il Prosecco è patrimonio dell’Unesco, è il vino frizzante che vende più bottiglie al mondo…». Ma poco dopo viene interrotto: «Non ci sarà la traduzione del suo intervento se non attiva la telecamera, quindi dovrebbe parlare in inglese». Il grillino ci prova. «Il mio inglese non è perfetto», risponde in inglese. Dopo poche parole aggiunge: «Io non riesco a fare l’intervento in inglese, chiedo scusa. L’avevo scritto in italiano, non mi è stato detto che avrei dovuto farlo in inglese».

«Queste sono le regole»

Dal Parlamento dicono: «Purtroppo queste sono le regole, senza telecamera non può essere interpretato». Una volta rientrati in studio, Giletti commenta amaramente: «Per carità nessuna obbligatorietà di sapere l’inglese. Anche se si rappresenta il nostro Paese forse si dovrebbe parlare inglese. Perché se poi non riesci a convincere gli altri deputati del Parlamento europeo sull’importanza di difendere un prodotto come il prosecco poi non ci possiamo lamentare…». E infine: «Se non sai neanche le regole, allora informati…».

La replica di Giarrusso

Ma Giarrusso non ci sta e su Twitter replica: «In tv e sui maggiori siti italiani, ignorando totalmente i fatti, si ribalta la verità raccontando di gaffe, figuraccia, e così via. Da ore subisco shitstorm con insulti e minacce di haters per una totale #fake ». Poi pubblica un post su Facebook in cui racconta passo passo quello che accaduto. Ecco il suo post.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *