Ritrovato nell’Adige il corpo della donna cingalese che ha ucciso le figlie. L’autopsia: “Soffocate nel sonno”

mercoledì 27 Ottobre 19:10 - di Carlo Marini
donna cingalese, Adige

È stato ritrovato poco fa nel fiume Adige il corpo di Sachithra Nisansala Fernando Mahawaduge Dewendra, la donna cingalese che, secondo gli inquirenti, potrebbe aver ucciso le figlie di 3 e 11 anni in una casa di accoglienza al Porto San Pancrazio e che era poi sparita. “Piuttosto che dare le bambine a mio marito le ammazzo e mi ammazzo”. È questa la frase che persone vicine alla donna le hanno sentito ripetere spesso. Ed è una frase che la donna ha ripetuto in più occasioni, anche al termine di colloqui con medici che l’avevano sentita più volte per stabilire la sua capacità genitoriale.

La donna cingalese aveva detto: “Le ammazzo se me le portano via”

La Casa famiglia «Mamma e Bambino» è gestita dai Servizi sociali del Comune di Verona e la donna cingalese assieme alle due figlie era ospitata da gennaio di quest’anno in seguito a un provvedimento del Tribunale dei Minori di Venezia. È lì che ieri mattina Sabadi e Sandani sono state trovate da un operatore della cooperativa che la gestisce. L’operatore si è insospettito non vedendo nessuno uscire da quella camera. Sabadi doveva andare alle scuole elementari, Sandani a quella materna. Quando l’operatore è entrato ha trovato le bambine nei loro letti. Il pigiama, le lenzuola a coprirle. Sembrava dormissero, invece non respiravano più. L’uomo ha chiamato i soccorsi. Ma i medici e i soccorritori del 118 non hanno potuto far nulla.

Le piccole Sabadi e Sandani erano morte da poco, stando ai primi rilievi del medico legale. La mamma non era lì. Nella stanza di quella che era una scuola elementare c’era però la finestra spalancata. È da lì che la donna è uscita, per scomparire nei campi coltivati di fronte alla casa, che vanno verso il fiume. Ha portato con sé lo smartphone, che nella camera non è stato ritrovato.

Intanto, come riporta l’Ansa, l’autopsia sulle bimbe ha stabilito che sono state uccise per soffocamento, forse con un cuscino. Verranno fatti altri approfondimenti medico legali, come gli esami tossicologici, ma il Pm Federica Ormanni, darà il nulla osta per la sepoltura. Il fascicolo per omicidio è aperto a carico di ignoti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *