Processo Ruby ter, assoluzione con formula piena per Silvio Berlusconi: il fatto non sussiste

giovedì 21 Ottobre 19:48 - di Giovanni Pasero
ruby ter Berlusconi

Il Tribunale di Siena ha assolto l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e Danilo Mariani, pianista di numerose serate nella villa di Arcore, dall’accusa di corruzione in atti giudiziari in concorso con formula piena perché “il fatto non sussiste”. La sentenza è stata pronunciata questa sera dal giudice Simone Spina, presidente del nuovo collegio del processo relativo a uno stralcio del filone principale del cosiddetto Ruby ter.

La Procura sosteneva che il leader di Forza Italia avesse pagato Mariani per indurlo a falsa testimonianza sulle “cene eleganti” ad Arcore. Il pubblico ministero Valentina Magnini aveva chiesto per entrambi gli imputati una pena di 4 anni di reclusione.

Questa mattina, alla ripresa del processo, la difesa dell’ex premier, rappresentata dagli avvocati Federico Cecconi, Enrico De Martino e Lorenzo De Martino, aveva chiesto la parziale rinnovazione dell’istruttoria dibattimentale, chiedendo anche di ascoltare tre nuovi testi: il ragioniere contabile di Berlusconi Giuseppe Spinelli, il musicista Mariano Apicella e la moglie di Mariani, Simonetta Losi. Anche la difesa di Mariani, gli avvocati Salvatore Pino e Lucia Zoi, si era associata alla richiesta di parziale rinnovazione dell’istruttoria. Il pubblico ministero si era opposto e aveva chiesto che si procedesse alla discussione del processo.

Ruby ter: con Berlusconi assolto il pianista Mariani

I legali di Berlusconi hanno poi annunciato un’istanza di ricusazione. Dopo un’ora di camera di consiglio, i giudici hanno respinto la richiesta ritenendo che “la mera esistenza di una dichiarazione di ricusazione possa comportare l’incapacità del giudice di procedere oltre nella discussione”. Il Tribunale ha quindi dichiarato chiusa l’istruttoria dibattimentale invitando le parti alle conclusioni. Dopo la richiesta di condanna a 4 anni per entrambi gli imputati, le arringhe difensive degli avvocati con le richieste di assoluzione. Il collegio dei giudici si è quindi ritirato in camera di consiglio per la sentenza, che si è rivelata favorevole per Berlusconi e Mariani con l’assoluzione con formula piena.

Danilo Mariani lo scorso 13 maggio era già condannato per falsa testimonianza a due anni di reclusione. Aveva avuto la sospensione condizionale della pena, dopo che il Tribunale di Siena aveva deciso di sdoppiare il processo. Ha infatti stralciato la posizione di Berlusconi e anche quella di Mariani per il reato di corruzione.

Il processo senese del Ruby ter era arrivato verso la conclusione nel 2020 ma la richiesta di Berlusconi di rendere spontanee dichiarazioni in aula e le istanze della difesa di rinviare le udienze per legittimo impedimento a causa dello stato di salute del suo assistito avevano fatto slittare più volte le udienze.

La soddisfazione di Paolo Barelli

“L’assoluzione del nostro presidente Silvio Berlusconi e’ una notizia bellissima, motivo per tutti noi di grandissima gioia. Lo dico a nome mio e del gruppo di Forza Italia alla Camera, che ho l’onore di presiedere. Al tempo stesso, c’è il fortissimo rammarico per il dolore immeritato. Per gli attacchi strumentali subiti. Per gli anni perduti dietro a un processo costruito sul nulla – come noi non avevamo alcun dubbio che fosse – e terminato in una bolla di sapone”. Così, in una nota, il neo presidente del gruppo Forza Italia alla Camera, Paolo Barelli.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *