“Italia arretrata, donne sminuite dagli uomini”: in un libro della Boldrini ecco il complotto maschilista

20 Ott 2021 19:24 - di Marta Lima

“Questo libro ha a cuore le donne in quanto donne, non solo come mogli, madri, angeli del focolare. Questo libro vuole prima di tutto spingere chi legge a prendere atto che molte cose danneggiano le donne e non sono più accettabili!”. A sostenerlo è Laura Boldrini, ex presidente della Camera, autrice di “Questo non è normale. Come porre fine al potere maschile sulle donne”, che uscirà domani per i tipi di Chiarettere.”Finché continueremo a dire che il trattamento riservato alle donne è normale, perché è sempre stato così, vivremo in un Paese arretrato e ipocrita -spiega poi- in cui le prese di posizione contro i divari di genere rimarranno solo scaramucce di facciata, buone per sistemarsi la coscienza, ma destinate a non incidere, a non cambiare davvero le cose”.

L’annuncio del suo libro, sui social, a quanto pare non è stato accolto in modo educato e composto, anzi.

Il libro della Boldrini che accusa l’Italia di maschilismo

“Questo non è normale” l’ha voluto dedicare alla grande battaglia di civiltà, mettendo in fila fatti, testimonianze, storie che fotografano un modello patriarcale duro a morire. Tutto da un osservatorio privilegiato: da aprile scorso, infatti, Boldrini è presidente del Comitato permanente della Camera sui diritti umani nel mondo. “Femminismo -ricorda- è lotta alle discriminazioni e affermazione dei diritti. Delle donne e, di conseguenza, di tutti”.

Occorre riflettere sulle discriminazioni e i pregiudizi di ogni giorno, in ogni ambito della nostra società. “La parità tra uomini e donne, in Italia, si riassume nel motto ‘tutto cambia perché nulla cambi'”. Anche questa, del resto, è la frase di un un uomo, il Gattopardo, si potrebbe aggiungere. “Nonostante alcuni traguardi sulla carta, le leggi, i diritti riconosciuti e l’impegno di militanti e associazioni femministe, troppo spesso mogli, compagne, amiche, colleghe continuano a restare gregarie, subalterne, ininfluenti”.

Le battaglie contro l’odio misogino

E la donna che sovverte lo schema? “E’ invisa, considerata una persona ‘strana’ e un po’ esaltata. Intanto il sessismo, l’intimidazione, la derisione, l’esclusione, l’odio misogino imperversano, con un unico fine: sminuire e controllare le donne per mantenere il potere maschile. La consapevolezza che tutto questo non è e non deve essere normale è l’unica strada per porre fine a un modello culturale, che genera una vera emergenza sociale”.

“Quella femminista -sottolinea infine- è stata la più grande rivoluzione pacifica del Novecento. Ha rotto millenni di sottomissione, in cui le donne non godevano di autonomia, non erano titolari di diritti e non avevano facoltà di decidere per sé. Ma è una rivoluzione incompiuta, perché abbiamo ancora traguardi da raggiungere e, in alcuni Paesi, non ha mai preso corpo: in tante non sono titolari di diritti. Siamo milioni e dobbiamo riuscire a generare quella forza capace di trasformarci in un’unica rete -conclude poi- Lo faremo? Investiremo le nostre energie per impedire che quello che ci danneggia si ripeta? Siamo disposte ad affrontarne le conseguenze?”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA