Ballando, ancora scintille Mussolini-Lucarelli. Ma è un copione ormai logoro: chi ci crede più?

giovedì 21 Ottobre 11:44 - di Redazione
Alessandro Mussolini

Il cognome Mussolini fa irruzione anche a Ballando con le stelle. E, come già accaduto con la scorsa edizione del programma di Milly Carlucci, tornano le scintille tra Selvaggia Lucarelli e Alessandra Mussolini, che quest’anno è inserita nello show come commentatrice. Evidentemente ad Alessandra non è bastata la giravolta di dichiararsi “ragazza di sinistra” con Vanity Fair per addolcire i ghigni antifascisti della giurata Lucarelli.

Ma il sospetto, più che fondato, è che le due – Lucarelli e Mussolini – stiano solo recitando una parte. Il copione impone loro di litigare e il compito viene subito eseguito. Col solo scopo di fare audience. L’antifascismo non c’entra proprio nulla. Semmai è il nome di Mussolini ad essere strumentalizzato per foraggiare gli ascolti.

Cosa è accaduto in questa edizione di Ballando? Alessandra si è irritata per un post di Selvaggia Lucarelli che ha scritto “perché Mussolini a Ballando? Le dittature finiscono, prima o poi”. L’ex parlamentare, che da un po’ ha riscoperto la passione per il ballo e ha abbandonato la politica, a quel punto ha messo in discussione la sua stessa partecipazione allo show di Raiuno: “Non credo, dopo questo, che ci siano le condizioni per continuare Ballando con le stelle…”. Vedremo cosa accadrà nella seconda puntata.

Nella scorsa edizione del programma i battibecchi tra le due hanno caratterizzato ogni puntata, con code polemiche interminabili sui social. La Mussolini accusò Selvaggia Lucarelli di non essere femminista, l’interessata replicò che lei non accettava lezioni da una Mussolini. Quindi fu Selvaggia a definire “vaiassa” la nipote del Duce. Quest’anno si replica. Ma chi dà ancora credito a una polemica che ha tutta l’aria di essere pilotata dagli autori di Ballando?

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alessandra Mussolini (@alemussolini_)

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *