Stato-mafia, Di Battista ventriloquo di Travaglio: “Fu un reato, non mi scuso”. E la Bonino s’infuria (video)

27 Set 2021 14:46 - di Lucio Meo

Senti parlare Alessandro Di Battista ma se chiudi gli occhi ti sembra di ascoltare Marco Travaglio, di cui l’ex grillino è diventato un ventriloquo, come Luis Moreno con il corvo Rockfeller. Sulla trattiva Stato-mafia anche per Di Battista la sentenza non conta, conta il suo parere, che guarda caso è lo stesso del direttore del Fatto Quotidiano. “Devo chiedere scusa? Assolutamente no, la trattativa c’è stata ed è stata una vergogna. Apprendo, nell’attesa di leggere le motivazioni, che in questo Paese è possibile trattare con la mafia, ma non è possibile farlo con lo Stato”.

Di Battista e la trattativa Stato-mafia

Lo studio è quello di “In Onda“, dove i due conduttori, David Parenzo e Conchita De Gregorio provano a contenerlo, invano: “La trattativa in sé non è un reato no? Trattare non è un reato. Anche con i terroristi lo Stato ha trattato”, dice De Gregorio. “È una verità giudiziaria”, aggiunge Parenzo. Ma Alessandro Di Battista insiste: “La verità giudiziaria è verità giudiziaria.  Anche il fatto che Dell’Utri sia già condannato in via definitiva per reati di mafia. Condivido quello che ha detto Salvatore Borsellino, Paolo è morto invano, si era opposto alla trattativa per questo fu ucciso”. In collegamento con lo studio della Sette, Emma Bonino vacilla: “Ma che dice? Sta facendo confusione, Di Battista, mi faccia parlare, lei non sa stare tra la gente….”.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA