Sabrina Salerno non si tocca, giornalista Sky crocifisso sui social per una battuta sulla cantante

giovedì 9 Settembre 18:19 - di Sveva Ferri
sabrina salerno

Ha preso una piega inaspettata l’addio del giornalista Alessandro Alciato a Sky, dopo una collaborazione durata 17 anni. In una sentita lettera di commiato affidata ai social, il cronista, un volto di punta della squadra del canale, non ha mancato accenni polemici. In particolare, dopo aver ringraziato tutti i colleghi che gli hanno inviato messaggi, Alciato ha sottolineato che «solo una persona non si è fatta viva, quindi la media è quasi perfetta». La nota ha scatenato le ipotesi su chi potesse essere questa persona, ma non è questo che ha prodotto l’esito imprevisto della lettera. È stato, invece, un fugace riferimento a Sabrina Salerno, che ha fatto balzare immediatamente la cantante e attrice in tendenza su Twitter.

L’addio con polemica di Alciato a Sky

«Nelle riunioni e nelle chat di lavoro parlavano di concetti altissimi, non di Sabrina Salerno», ha scritto Alciato a proposito dei suoi direttori, anche loro ringraziati. Tutti, tranne uno: Federico Ferri. È per questo che in molti hanno identificato nell’ultimo direttore la «sola persona» che ha mancato di salutarlo, nonché la possibile causa del suo addio all’emittente. Il piccolo giallo e gli indizi per risolverlo, però, sono passati del tutto in secondo piano rispetto al riferimento a Sabrina Salerno.

«Da quando Sabrina Salerno non è più un concetto altissimo?»

Su Twitter è stato un profluvio di difese della showgirl, non senza ironie rivolte un po’ a tutti. «Da quando Sabrina Salerno non è più un concetto altissimo?», ha domandato un utente che si fa chiamare Errore. «Ho letto la struggente lettera d’addio a Sky di Alciato. Ad un tratto cita Sabrina Salerno come riferimento negativo, qualcosa da non usare nelle chat di lavoro. Io le vorrei leggere queste chiacchierate su Hobbes, Locke e i filosofi giusnaturalisti. Alcià, ma per piacere», ha commentato Diego. Simile, ma più seria l’osservazione di Mary. «Mi spiegate dov’è la professionalità quando cita Sabrina Salerno? Non c’entra nulla, e quello che poteva essere un commovente saluto professionale si è tramutato in ridicolo. Vorrei leggerle queste chat su Hobbes, Nietzsche e Freud», ha scritto la donna. 

Due indizi fanno una prova?

Qualcuno, come Zorro e Pierre, insieme al dito inquadra anche la luna: «Evidentemente a Federico Ferri piace Sabrina Salerno», ha scritto il primo, mentre per il secondo Alciato «senza mai nominarlo, non le manda a dire all’attuale direttore Federico Ferri». Insomma, dal passaggio sulla Salerno non si scappa. Neanche quando l’oggetto delle critiche diventa la stessa Sky: «Vista la parzialità di come commentavano le partite sarebbe stato meglio che avessero parlato di Sabrina Salerno anche in pubblico. Forse non avrei disdetto l’abbonamento», ha scritto Sissio.

«Giù le mani dalla Sabri nazionale»

«Che c’avete da ridire sulla mitica Sabrina Salerno?», è stata la domanda di Beppe, mentre per Susy «questa cosa che un uomo dice “non ho mai parlato di Sabrina Salerno” mi puzza come quando un uomo ti dice che non va su Youporn». Dunque, a difendere «la Sabri nazionale», come la chiama l’utente Sabrina, ci sono anche le donne: «Non si tocca», ha avvertito l’omonima della cantante. «Rispetto per Sabrina Salerno. Punto», ha scritto Martina, che per onor di cronaca vicino al nome sventola una bandiera arcobaleno.

E c’è chi la candida al Colle: «Metterebbe d’accordo tutti»

Comunque sia, a conti fatti, a leggere quantità e tenore delle reazioni alla lettera di Alciato, pare proprio che la più amata dagli italiani sia lei, davvero «la Sabri nazionale». E c’è anche chi ne approfitta per lanciarne la candidatura al Colle. Rilanciando un post di Carlo Cottarelli sul fatto che, dopo una lista di soli uomini, il prossimo presidente della Repubblica potrebbe essere donna, un utente che usa il nome di “Un nuovo follower” ha chiosato: «2022: Sabrina Salerno metterebbe d’accordo tutti»

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *