Conte, nuova gaffe pubblica: dimentica il nome della candidata a Milano Layla Pavone (video)

giovedì 9 Settembre 8:11 - di Marta Lima

Conte, confuso e felice, stavolta cade sul Pavone. Ricordate la gaffe di qualche giorno fa, quando Giuseppe Conte aveva confuso l’Atac con l’Ama in un comizio a Roma? Ebbene, il leader grillino si è ripetuto ancora, mettendo a segno in trasferta, ieri, a Milano, un’altra memorabile gaffe: è riuscito a confondere il nome della candidata grillina Layla Pavone, chiamandola “Romano”. Lei ha incassato con apparente disinvoltura, ma non deve averle fatto particolarmente piacere. (video)

La gaffe di Conte con Layla Pavone

L’aneddoto sul Conte confuso è riportato fedelmente sull’edizione di oggi della Stampa: “Ieri il capo politico del Movimento ha fatto tappa a Milano proprio per supportare la sua candidata sindaca. Ma giunto in piazza XXIV Maggio – dove lo attendeva un bagno di folla – l’ex presidente non ha saputo evitare l’ennesima gaffe: «Oggi siamo qui per esprimere il nostro sostegno a Layla Romano». Qualche secondo di imbarazzo tra i cronisti, qualche faccia tirata tra i consiglieri regionali ma nessun ‘scusate, intendevo Pavone’. Lei, dal canto suo, ha fatto finta di nulla e ha continuato a sorridere. Lui ha portato avanti il suo intervento limitandosi a ‘Layla’. Più confidenziale e di certo meno rischioso”. In sintesi, come si vede nel video, non si è neanche corretto.

Sondaggi catastrofici per la candidata di Milano

“Penso di avere grandi chance, perché vengo dalla società civile, sono molto sensibile e consapevole dei problemi che Milano ha: ne ha tanti e credo che il mio contributo, anche da donna, possa essere molto importante”, ha detto ieri la candidata sindaca del Movimento 5 Stelle a Milano, al gazebo di piazza XXIV maggio, dove ha incontrato il presidente Giuseppe Conte, che forse non l’aveva neanche riconosciuta…

Secondo Pavone i sondaggi che la danno al 3-5% “lasciano il tempo che trovano. Io guardo molto alle statistiche per mestiere e negli ultimi anni non ci hanno mai preso”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *