Lega, prosegue il controesodo. Alla corte di Salvini anche il deputato renziano Scoma

giovedì 23 Settembre 18:43 - di Michele Pezza
Salvini

Lega in crisi? Ma quando mai: il Carroccio è vivo e vegeto. Tanto è vero che imbarca forzisti da tutti i lati. E non solo, visto che nell’elenco dei nuovi arrivi Matteo Salvini può inserire anche un renziano come il palermitano Francesco Scoma. Vero è che prima di approdare a Italia viva, Scoma era stato eletto con Forza Italia, ma è altrettanto vero che Salvini può dire di aver sottratto alla sinistra un deputato. Nella contabilità in vista dell’elezione del successore di Mattarella al Quirinale vale doppio, come i gol in trasferta nelle coppe europee. Il neo-leghista è salito sul Carroccio in cerca di quel centro che Renzinulla contro di lui, resta un politico di livello») non è riuscito a realizzare.

Anche Vitali (FI) medita il passaggio

Con la valigia in mano sull’uscio di casa sta anche il pugliese Luigi Vitali, già forzista e oggi politicamente apolide. È lui stesso a confermare all’AdnKronos di essere interessato a Salvini: «Può esserci questa possibilità che io vada alla Lega». E sono due. Ma niente se confrontato a quel che può arrivare dal territorio. A dar retta infatti a Daniele Nava, ex presidente della Provincia di Lecco, che ieri ha ufficializzato il suo passaggio alla Lega, l’esodo verso Salvini è solo questione di tempo. «Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane – assicura – diversi sindaci e amministratori aderiranno alla Lega, non solo in provincia di Lecco». E si parla di altre due consiglieri regionali di Forza Italia pronti ad approdare alla Lega nei prossimi giorni.

Salvini contestato in Calabria

Insomma, se voleva dimostrare quanta vitalità può ancora sprigionare il suo movimento e la sua leadership, Salvini ci è riuscito benissimo. Alla luce di queste new entry (annunciate o meno) assume tono di mero folclore la contestazione («buffone, buffone») da lui subita durante un comizio a Cirò Marina, in Calabria. Per altro mentre era intento ad attaccare la ‘ndrangheta. Ma l’umore è tornato buono. E si capisce proprio dalla risposta ai suoi detrattori: «Ci rivediamo dopo che la Lega che, alla “facciazza vostra“, si sarà ripresa la Calabria e l’Italia».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *