Il Pd “usa e getta” i grillini dissidenti e scoppia la polemica a Roma: «Non beccano voti». Il retroscena

venerdì 27 Agosto 12:46 - di Sara Gentile
grillini dissidenti

Boccone amaro per i grillini dissidenti a Roma. Scoprono che il Pd non ha grande considerazione del loro contributo per le elezioni comunali della Capitale. Lo scoprono, come scrive in un retroscena il Messaggero, grazie a un video che da qualche giorno rimbalza nelle chat dei grillini.

Grillini dissidenti e Pd a Roma, il retroscena

«Nel filmato, riscoperto ora dai pentastellati – scrive il quotidiano – ma che in realtà risale a qualche settimana fa, si vede il capogruppo del Pd in Campidoglio, Giulio Pelonzi, che durante una riunione in streaming ridimensiona, per usare un eufemismo, il contributo dei dissidenti 5 stelle alla causa democrat in vista delle comunali di ottobre: “Non ci svoltano certo le elezioni. Ma di che parliamo? Bravissimi ragazzi, intelligenti, ma tutti insieme avranno preso la metà dei miei voti”».

I grillini dissidenti non si ricandidano

Parole che sono come un pugno allo stomaco dei grillini dissidenti. Speravano in un riconoscimento per il loro appoggio ma il Pd pare avere un’altra idea. Conti alla mano i democratici si sono accorti che il loro contributo non sposta “lo zero virgola”. Chissà, si chiede il quotidiano, «se c’è questo ragionamento dietro alla scelta di non candidare gli ex consiglieri stellati nelle liste, politiche o civiche, a sostegno di Roberto Gualtieri. Dopo settimane di indiscrezioni sulla pattuglia di ex M5S (qualcuno li chiamava “contiani”) pronti a ricandidarsi col centrosinistra, a pochi giorni dalla presentazione delle firme, di questa possibilità non c’è più traccia».

Sostengono Gualtieri

E così l’ex vicesindaco di Raggi, Luca Bergamo ha escluso la candidatura. «Non ho intenzione di candidarmi al Consiglio comunale e non lo farò», ha scritto su Facebook, confermando però il sostegno a Gualtieri. E lo stesso ha fatto, come si legge su Repubblica, anche Enrico Stefàno, a capo della fronda anti-Raggi che ha lasciato i 5S in Campidoglio senza maggioranza: «Sosterrò Roberto Gualtieri». Anche lui non si ricandiderà.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica