«Bentornati talebani»: dirigente donna del Pd manda in crisi il partito di Letta

mercoledì 25 Agosto 20:47 - di Giacomo Fabi

Donna e del Pd che inneggia ai talebani? Sogno o son desto, direbbe il poeta. No, non siete su Scherzi a parte: avete letto bene. C’è una donna dem felice che a Kabul ora sventoli la bandiera bianca con la scritta nera. Si chiama Nura Musse Alì, è di origine somala e rappresenta il partito di Letta in seno alla commissione Pari Opportunità della regione Toscana. Il suo scivolone è consultabile sul sito online de Il Tirreno che l’ha intervistata sulla crisi afghana. A domanda, Nura non ha esitato ad inneggiare ai talebani. Ne sarà contento Giuseppi Conte, il primo a mostrarsi tutt’altro che affranto per la vittoria degli Studenti islamici. Chissà che non se ricordi nel caso, non si sa mai, tornasse a Palazzo Chigi.

Nura Musse Alì è dirigente in Toscana

Senza escludere che l’entusiasmo della Musse Alì finisca per contagiare anche Marco Travaglio, da tempo orfano dei reportage di Ale Di Battista dal Nicaragua. Anche qui, mai dire mai. Insomma, se il Pd dovesse rivelarsi eccessivamente severo verso di lei Nura sappia che nel giro pentastellato un posto lo troverebbe di sicuro. Certo, dire che l’ha fatta fuori dal secchio è dire poco. I talebani sono un punto fermo della moderna narrazione della sinistra perché le consente di attribuire al loro fanatismo religioso la discriminazione delle donne. Quasi che fuori da quella cerchia fondamentalista, nell’Islam cosiddetto moderato, la condizione femminile possa essere chissà quanto diversa.

Ha inneggiato al regime dei talebani

È una narrazione funzionale a quella sull’immigrazione perché tende a presentare l’Islam come integrabile. Con la sua sortita filo-talebana, invece, Nura Musse Alì riporta il tema della mancata integrazione fin dentro il Pd. Si capisce perciò perché la presa di distanza annunciata dalla segretaria regionale dem, Simona Bonafè, sia priva di tentennamenti. «I talebani – ha detto – sono stati e restano liberticidi e nemici dei diritti, persecutori delle donne. Sostenere che un regime è una tappa obbligata verso la maturazione sociale è inaccettabile». Le parole della Bonafè, tuttavia, non hanno sedato la rissa interna e le richieste di dimissioni. E  neppure la soddisfazione di vedere finalmente il Pd dietro la lavagna. Già, solitamente è quello col ditino alzato. A volte anche i “migliori” piangono.

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )