Bassetti racconta l’aggressione: «Ero con mia moglie e i miei figli. Quell’uomo mi urlava “ti ammazzo”…»

31 Ago 2021 9:41 - di Emanuele Valci
Bassetti aggressione

Dopo la denuncia, Bassetti racconta l’aggressione di cui è stato vittima. «Ero appena rientrato con mia moglie e i miei figli da una breve vacanza in Sardegna. Sono uscito per comperare certi piccoli sigari che ogni tanto fumo. C’è un tabaccaio, vicino a casa, aperto fino a tardi. Sto per rientrare e vedo su di me uno sguardo di persona che mi riconosce. Ha cominciato a ricoprirmi di insulti (tralasciamo qui le parolacce). Mi urlava: “I vaccini fatteli tu”. E ancora: “Ti ammazzo”». Così il professor Matteo Bassetti decrive nei dettagli al Corriere della Sera quei momenti di grande tensione. Una vera e propria aggressione verbale e quasi fisica. Molto violenta, con minacce di morte a lui e alla sua famiglia.

Bassetti e l’aggressione: «Continuava a minacciarmi»

«Non mi sono avvicinato a casa e ho tirato dritto, come se non avessi sentito. Lui continuava a gridarmi: “Girati s…”. Così mi aveva istruito la Digos: sono sotto sorveglianza e ho immediatamente chiamato una loro pattuglia di cui ho il numero diretto, senza passare dal 112. In tre minuti sono arrivati»,  spiega Bassetti. «L’aggressore, quando ha sentito le sirene, è corso via. Ma è stato subito raggiunto dagli agenti. Ho saputo che si tratta di un uomo di 46 anni». L’hanno portato in Questura. «È stato denunciato direttamente dalla polizia, e anche da me. È la settantesima denuncia che presenta il mio avvocato».

«Un errore considerarli folkloristici»

Poi Bassetti approfondisce il perché dell’aggressione. «Parliamo di no vax, ma ci sono anche i no-green pass», afferma. «Un errore sarebbe considerarli folkloristici e personalistici. Al loro interno c’è un po’ di tutto. Molte di queste persone sono veri e propri delinquenti, gestiti non si capisce bene da chi. Il colore politico non c’entra, a mio avviso. Lo slogan è “andare contro” e il vaccino anti Covid è l’obiettivo principale che hanno scelto. La magistratura e lo Stato, però, devono intervenire. Sono fenomeni pericolosi anche se promossi, alla fine, da quattro gatti. Che hanno, purtroppo, molta visibilità».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA