Tokyo 2020, scatta l’allerta ostriche: difficoltà per le gare di canoa e canottaggio

lunedì 19 Luglio 20:13 - di Laura Ferrari
Tokyo ostriche

Incubo ostriche per gli eventi di canoa e canottaggio di Tokyo 2020. Gli attenti organizzatori nipponici non potevano mai immaginare che i pregiati frutti di mare mettessero a rischio le gare.

Come riferisce la Bbc, infatti, un numero enorme di ostriche si era attaccato ai galleggianti destinati a fermare le onde che rimbalzavano sull’acqua e sugli atleti.

Le ostriche sono state scoperte quando gli organizzatori di Okyo 2020, perplessi, hanno iniziato a indagare sul motivo per cui i galleggianti avevano iniziato ad affondare. Risolvere il problema è stato un compito enorme e dispendioso in termini di tempo.

Le ostriche della baia di Tokyo sono una qualità pregiata

L’attrezzatura posata su un arco di 5,6 km è stata essere portata a terra e riparata. Nei casi più favorevoli, pulita sul posto da squadre di sommozzatori. In totale, il personale dei Giochi olimpici ha rimosso 14 tonnellate di ostriche.

Una scoperta per certi versi beffarda, dato che si tratta delle ostriche magaki, una qualità molto pregiata e molto popolare durante l’inverno in Giappone. Tuttavia, gli organizzatori non sono stati in grado di sfruttare il loro raccolto eccezionale.

“Non abbiamo ritenuto opportuno consumarli”, ha detto un membro del team al quotidiano Asahi Shimbun. “Ciò comporterebbe controlli di sicurezza e qualità”.

La Toyota ritira gli spot televisivi per i Giochi

Le ostriche sono solo l’ultimo imprevisto per i giochi di Tokyo 2020, slittati di un anno per la pandemia. Toyota Motor Corp. ha infatti annunciato che non trasmetterà spot televisivi relativi alle Olimpiadi di Tokyo in Giappone e il suo presidente non parteciperà alla cerimonia di apertura alla fine di questa settimana dell’evento sportivo globale.

Toyota aveva preparato uno spot televisivo con alcuni degli atleti che prendevano parte ai giochi. Ma durante un briefing online, Jun Nagata, Chief Communication Officer di Toyota, ha suggerito che le Olimpiadi di Tokyo si preannunciano come un evento per cui è più difficile ottenere supporto per “varie ragioni”. “Sosterremo pienamente gli atleti e contribuiremo ai giochi fornendo veicoli e altri mezzi”, ha affermato Nagata.

Più della metà dei giapponesi contraria alle Olimpiadi

Circa il 68% dei giapponesi ha affermato che non erano possibili Olimpiadi sicure durante la pandemia di coronavirus in corso, secondo il quotidiano Asahi Shimbun. Solo il 21 per cento ha detto che era possibile. Circa il 55% è contrario allo svolgimento dei Giochi, mentre il 33% è favorevole.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica