Omicidio Cerciello, i giudici: il corpo martoriato dalle coltellate attesta la furia omicida

venerdì 16 Luglio 20:38 - di Roberto Frulli

Il corpo martoriato dalle coltellate del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Raga attesta la furia omicida dei due studenti statunitensi Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth . E smentisce la loro tesi secondo la quale hanno solo cercato di difendersi  da quella che ritenevano essere un’aggressione di due sconosciuti.

È una delle motivazioni alla base della sentenza firmata dai giudici della prima Corte d’Assise di Roma, presieduta da Marina Finiti, con cui il 5 maggio scorso hanno condannato all’ergastolo i due americani Finnegan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjorth per l’omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega ucciso con undici coltellate il 26 luglio del 2019. Una sentenza che aveva accolto le richieste della procura di Roma con il pm Maria Sabina Calabretta.

“Il vicebrigadiere Cerciello non può più riferire la sua versione, ma il suo corpo martoriato parla per lui e attesta la furia omicida di Elder“, scrivono scrivono i giudici capitolini.

“La volontà omicidiaria è evidente – aggiungono  ancora i giudici. – Anche l’arma, un coltello da combattimento, con lama lunga circa 18 centimetri lo conferma, le ferite riportate dalla vittima escludono che i fendenti possano essere stati inferti a scopo di difesa, tutte le lesioni risultano molto gravi“.

“L’operazione descritta dalle difese, che vedrebbe i due militari aggredire i due imputati senza qualificarsi, senza mostrare un tesserino, per di piu’ disarmati e in pari numero ai loro antagonisti, senza alcuna garanzia che sarebbero riusciti a prevalere fisicamente e nella consapevolezza di non disporre di appoggi immediati, appare insostenibile e risulta smentita” da quanto emerso nel corso del processo, sottolineano i giudici della prima Corte d’Assise.

“Perche’ i due carabinieri comandati in quel servizio dalla centrale operativa, avrebbero dovuto attaccare senza proferire parola i due ragazzi? Al contrario, i due imputati, sono consci di trovarsi in una situazione di illiceita’, sono consapevoli di aver commesso piu’ reati, quando si rendono conto di trovarsi di fronte a carabinieri devono sovrastarli, costi quel costi”, sottolineano i giudici.

Ma soprattutto i magistrati sono convinti che i due studenti hanno inferto quelle undici coltellate a Cerciello per evitare l’arresto. E che erano entrambi d’accordo sulla strategia da adottare.

“I due imputati – scrivono da questo punto di vista i giudici – hanno agito all’interno di un programma condiviso e voluto da entrambi, l’azione delittuosa inizia insieme e termina insieme”.

“Sia Elder che Natale infatti, hanno agito secondo un programma preordinato in cui l’evento letale costituisce una prevedibile, probabile conseguenza della condotta attivamente posta in essere da due correi – sottolineano i giudici nelle 346 pagine di motivazioni – che hanno integralmente condiviso i fatti di quella sera”.

“Nel caso in esame deve escludersi la sussistenza di un atteggiamento difensivo. I due imputati sono ben consapevoli di trovarsi in una situazione di illiceità da loro stessi provocata e dalla quale non possono ritenersi legittimati ad uscire mediante il ricorso a una simile violenza, non siamo di fronte ad una reazione armata ma al contrario ad un’azione finalizzata all’offesa volta ad evitare il verosimile arresto da parte delle forze dell’ordine intervenute sul posto e qualificatesi”, scrivono i giudici.

Che si soffermano sulla “allarmante” personalità degli imputati “nonostante la loro giovane età: la sconcertante perpretazione di gravi reati posti in essere in un’inquietante escalation di illegalità, l’adesione a modelli comportamentali devianti, l’esaltazione delle droghe e l’ostentazione di armi e denaro quali simboli di affermazione documentati dalle immagini rinvenute sui loro telefonini, evidenziano la indubbia capacita’ criminale di entrambi“.

“A fronte di una vicenda cosi’ drammatica – osservano i giudici – emerge la frustrazione di due ragazzi entrambi di famiglie benestanti, che si trovano in Italia, in vacanza e quella sera cercavano lo ‘sballo’ a Trastevere, volevano assumere alcol e cocaina, ricevuta la sòla da Brugiatelli e da Pompei pianificano la richiesta estorsiva non gia’ perche’ la somma loro sottratta sia importante, tutti e due ammettono che 80 euro non era un importo rilevante per loro, ma la frode subìta suscita in loro rabbia, voglia di rivalsa, devono dimostrare a loro stessi che nessuno puo’ raggirarli cosi’ facilmente”, proseguono i giudici.

“Entrambi al processo continuano a manifestare – si legge nelle motivazioni – sostanziale distacco dalle vicende di quella notte e dal loro tragico epilogo, mai manifestano segni concreti di ravvedimento, nessuna rielaborazione in chiave critica di quelle condotte, al contrario fanno di tutto per diminuire le loro obiettive responsabilita’”.

I giudici sottolineano inoltre come “l’atteggiamento degli imputati e’ sempre volto a sminuire le loro responsabilità’. Nessun atteggiamento convinto e convincente di riebolazione critica di quanto commesso, nessun pentimento. A fronte di tali risultanze non si ravvisano elementi positivamente apprezzabili per riconoscere le circostanze attenuanti generiche“.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica