Roma, sondaggio amaro per il Pd: Raggi davanti a Gualtieri, andrebbe al ballottaggio con Michetti

martedì 22 Giugno 11:20 - di Marta Lima

Alle elezioni di Roma il centrodestra è avanti sia nelle intenzioni di voto alle liste che ai candidati. È testa a testa Raggi-Gualtieri per assicurarsi il secondo turno, con la sindaca che supera il candidato Pd (all’indomani delle “trionfali” primarie…) per la prima volta e che potrebbe riscuotere maggiore consenso nel caso in cui presentasse una sua lista civica in appoggio al M5S, come rivela oggi un esclusivo sondaggio, realizzato nei giorni precedenti alle primarie del centrosinistra, sulle elezioni amministrative a Roma elaborato da Noto Sondaggi per il giornale online TPI.it, diretto da Giulio Gambino.

Raggi batte Gualtieri e se la vede con Michetti, centrodestra avanti

La coalizione del centrodestra risulterebbe essere la più votata con il 35% delle preferenze, così ripartite: 21% Fratelli d’Italia, con il movimento di Giorgia Meloni che diventerebbe il primo partito a Roma, 8 per cento Lega, 4 per cento Forza Italia e 2% attribuibile ad altre liste. La coalizione della sindaca uscente, Virginia Raggi, otterrebbe il 25% dei consensi, 10 punti in meno rispetto a quella del centrodestra. Il dato sicuramente più interessante è dato dalla percentuale che il sondaggio attribuisce a una ipotetica lista civica in supporto della Raggi: secondo la rilevazione, infatti, una lista della sindaca otterrebbe l’11 per cento dei voti, mentre il Movimento 5 Stelle avrebbe il 14% delle preferenze. La stessa percentuale attribuita alla coalizione Raggi è assegnata a quella che sostiene il candidato del Pd, Roberto Gualtieri, fresco vincitore di primarie. Secondo il sondaggio, infatti, la coalizione di centrosinistra otterrebbe il 25%, così ripartiti: 18,5 per cento al Partito Democratico, 2% ai Verdi, l’1,5 per cento a Leu, l’1 per cento a Sinistra Italiana e il 2 per cento provenienti da liste civiche e altre forze di centrosinistra. La coalizione che appoggia Carlo Calenda, invece, è accreditata all’11% con il 7 per cento attribuito ad Azione, il 2% a Italia Viva e un altro 2 per cento ottenuto da altre liste.

Il voto disgiunto non aiuta il centrosinistra

Per quanto riguarda le intenzioni di voto ai singoli candidati Michetti sarebbe al 35%, Raggi al 26%, Gualtieri al 23% e Calenda al 14%. Lo squilibrio tra le intenzioni di voto alla liste e quelle ai candidati è il cosiddetto voto disgiunto, che viene analizzato dal sondaggio attraverso i flussi elettorali. Da questo punto di vista il candidato più penalizzato risulta essere proprio quello del centrosinistra Roberto Gualtieri. Tra quel 25% di persone che esprimono il proprio voto per la coalizione che appoggia il candidato Pd, infatti, risulta esserci un 28 per cento che voterebbe Carlo Calenda come candidato sindaco e un 7% che invece sceglierebbe Virginia Raggi.

“Le percentuali raccolte dal centrodestra, sia nelle intenzioni di voto alle liste che in quelle rivolte ai candidati, danno al candidato del centrodestra Enrico Michetti un ampio margine al primo turno. Ma per il secondo posto la partita è più che aperta – dice il sondaggista Noto – Il centrodestra ha poco bacino elettorale da cui attingere consenso, mentre chiunque vada al ballottaggio tra Raggi e Gualtieri, avrebbe sicuramente una parte di elettorato più ampia da cui poter prendere voti. Paradossalmente Michetti può fare il pieno di voti al primo turno, ma quel 35% che lui ha al primo turno potrebbe non bastare per poi farlo vincere al ballottaggio. Il punto forte della Raggi è che comunque sia ha una coalizione coesa nei suoi confronti e quindi è difficile che poi possa perdere qualche voto rispetto al consenso dei partiti. E questo può essere un suo vantaggio competitivo”.

Il ruolo di Calenda nella corsa a sindaco di Roma

”Abbiamo testato una lista Raggi, a oggi uno scenario ipotetico, perché è chiaro che una lista di un candidato può aggregare consenso, che andrebbe oltre il consenso che aggrega il Movimento 5 Stelle. È evidente che se non ci fosse la lista Raggi, il valore del M5S sarebbe maggiore. La lista Raggi aggrega un consenso di un elettorato vicino al Movimento, che però preferirebbe votare la lista Raggi, più altro consenso proveniente da una parte di elettorato che magari si potrebbe trovare con un forte vincolo a votare Movimento 5 Stelle e poi non lo voterebbe. Non dobbiamo pensare, comunque, che se non ci fosse la lista Raggi, il M5S sarebbe al 14%, ma avrebbe ovviamente più consenso. Non è che quell’11% che darebbe la sua preferenza alla lista Raggi non voterebbe in assoluto il Movimento 5 Stelle. Il sondaggio dà la misura di quanto sia penalizzato Gualtieri. Lui comunque ha un candidato concorrente (Calenda) che solo due anni fa si presentò nelle liste del Partito Democratico a Roma per le elezioni europee. Quindi è chiaro che condivide con questo candidato una parte di elettorato e quindi in un certo senso ne ha un contraccolpo. I ballottaggi non li testo mai quando mancano così tanti mesi alle elezioni. I ballottaggi sono imprevedibili e soprattutto la previsione del ballottaggio è fortemente influenzata da quello che è lo sviluppo sia della campagna elettorale che del primo turno”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )