Inferno Roma, movida violenta da Campo dei fiori a San Lorenzo: contro gli agenti assalti e bottiglie

sabato 12 Giugno 14:10 - di Greta Paolucci
movida Roma

Movida pericolosa, Roma sotto scacco dei violenti. E coi facinorosi in azione ieri non c’entra proprio nulla il tifo e i festeggiamenti per la vittoria della nazionale azzurra. Quello a cui si è assistito ieri sera, con disordini e tafferugli che hanno impegnato le forze dell’ordine dalla centrale Campo dei Fiori al quartiere di San Lorenzo, tra lanci di bottiglie e aggressioni agli agenti non ha nulla a che vedere con la celebrazione del successo calcistico. Semmai, ricorda da vicino quello che accade sempre più spesso nel weekend capitolini, in cui la movida violenta e l’assembramento di masse di giovani sembrano essere ormai abitudini consolidate…

Movida violenta a Roma, disordini a da Campo dei fiori a San Lorenzo

Così, ieri sera poco dopo le 23, quando il dirigente del servizio dedicato al controllo della piazza di Campo dei Fiori, notando un grosso assembramento di giovani all’altezza del cinema, si è avvicinato al gruppo di ragazzi con un contingente composto da Polizia di Stato e Carabinieri, si è scatenato l’inferno. I ragazzi per tutta risposta hanno iniziato un fitto lancio di bottiglie e altri oggetti contro le forze dell’ordine, che sono comunque riuscite a disperdere la folla.

Lanci di bottiglie e aggressioni contro gli agenti

Durante il lancio di oggetti il dirigente del I Distretto Trevi Campo Marzio, Fabio Abis ed un agente del XIII Distretto Aurelio, sono riusciti ad individuare con sicurezza un 21enne, G.M., come uno degli autori dei lanci di bottiglie. E con la collaborazione di due Carabinieri del Comando Stazione Macao, lo hanno bloccato e condotto negli uffici di polizia. Fermato anche un 17enne che stava partecipando ai disordini, proferendo offese nei confronti delle forze dell’ordine. Contro cui ha poi lanciato un mozzicone di sigaretta. Un carabiniere, colpito da una bottiglia di vetro, è andato in ospedale e ne avrà almeno per 7 giorni.

Giovani accerchiano e minacciano la polizia che interviene

Alla fine, poi, gli agenti hanno arrestato G.M., già noto alle Forze dell’Ordine, con le accuse di violenza, resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Il minorenne, invece, sarà denunciato all’Autorità Giudiziaria per oltraggio a Pubblico Ufficiale. È al vaglio del Questore l’adozione di D.a.c.u.r (Divieto d’accesso alle aree urbane) nei confronti di entrambi i giovani. Inoltre, gli investigatori della Questura di Roma stanno visionando una serie di filmati, realizzati dagli operatori della Polizia Scientifica, per identificare e sanzionare, eventualmente, gli altri partecipanti ai disordini.

Tafferugli e arresti durante la movida violenta

Nel frattempo, sempre ieri, mentre a Campi dei fiori c’era l’inferno, infuocati momenti di tensione attanagliavano il quartiere di San Lorenzo. Dove alcuni gruppi di giovani hanno pensato bene di accerchiare e minacciare gli agenti della Polizia Locale, impegnati nei controlli anti assembramenti. Alcuni dei quali sono riusciti ad arrestare due ragazzi di 18 e 20 anni per minacce, lesioni e resistenza a Pubblico Ufficiale. Non solo. Giusto poco prima della mezzanotte, una ragazza si è rivolta ai poliziotti chiedendo loro aiuto per un tentativo di aggressione avvenuto in via degli Aurunci da parte di alcuni giovani.

Anche Trastevere non è stata da meno…

Intervenuti sul posto, un gruppo di persone ha subito circondato le forze dell’ordine con l’intento di ostacolare le operazioni. Dunque, un ventenne è stato arrestato per minacce e resistenza, dopo aver tentato di sottrarsi ai controlli. Anche in via dei Sabelli le pattuglie, intervenute per disperdere un assembramento, hanno arrestato S.D, di 18 anni, per aver tentato di colpire e per aver minacciato di morte gli agenti. Infine, Trastevere non è stata da meno. Nel quartiere la polizia ha dovuto eseguire diversi interventi anti-assembramento. E disposto parziali chiusure in piazza San Calisto, Piazza Santa Maria in Trastevere e piazza Trilussa, a causa dell’ingente numero di persone che rendeva impossibile garantire le norme anti covid. Inoltre: tre locali sono stati sanzionati e un minimarket chiuso per la vendita di alcolici oltre l’orario consentito.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )