Cina, Russia, Stati Uniti: la partita europea tra alleanze e insidie

lunedì 21 Giugno 17:59 - di Antonio Saccà

Gli Stati Uniti, con la nuova amministrazione democratica, intendono farsi seguire dall’Unione Europea contro Russia e Cina .Sappiamo che  individuare un nemico rende coloro che lo dovrebbero combattere di più stretta aderenza,l’invito degli Stati Uniti contro la Cina e la Russia in parte verbale e verboso ma anche realistico e con degli effetti appesantiti  gioverebbe ad unire l’Occidente, e non solo l’Occidente, contro nemici comuni.

La Cina sta avanzando da gigante, popolazione laboriosa, educata al sacrificio, al dovere, all’obbedienza delle autorità familiari e sociali; stabilito il vincolo con le nuove tecnologie assai produttive congiunge la disciplina di un’etica patriarcale con la tecnologia moderna, impone una disciplina categorica, non ammette opposizione né critiche, stabilisce una comunione di scopi totale, e remunerando e rassicurando i capitali stranieri in quanto il lavoro in Cina costa meno assai che in Occidente li attrae. Attraendo i capitali si arricchisce, arricchendosi investe di suo, investendo di suo esporta, esportando vende, vendendo si arricchisce, arricchendosi investe, investendo produce, producendo esporta, e poiché i suoi costi sono competitivi, vende a fiumane, si arricchisce, investe, esporta, vende.

E pertanto la Cina guadagna sia con i capitali stranieri investiti in Cina, sia con i capitali cinesi investiti in Cina, sia con i capitali cinesi investiti nel mondo, perchè la Cina  sta comprando o cerca di acquistare il mondo:  una via per le sue attività economiche, la Via della Seta, un suo mondo nel mondo, la strada della sua invasione globale; forgia città in altri paesi, arraffa continenti, razzia alberghi, ristoranti, impianta sue industrie oltre la Cina. Predomina nelle tecnologie, dilaga nelle merci di uso quotidiano, falsifica,incurante che spesso le sue merci sono invalide,perfino la pandemia le ha giovato, mascherine, respiratori, cinesi, e le gioverà la transizione verde, i pannelli fotovoltaici sono in larga produzioe cinesi, possiede container, sedi portuali, si arma quanto riesce , lo Stato aiuta le imprese, il lavoro nazionale ed internazionale è sfruttato all’osso, si diffonde sia nell’area del Pacifico, sia ad Occidente…Non basta, si reca negli spazi…

I Paesi europei sono avvinti all’economia cinese e credono di avere convenienza a produrre, importare dalla Cina,p er i costi favorevoli, sicchè ad oggi un contenimento economico contro la Cina non è attuato e non sembra attuabile. Tentano gli Stati Uniti, che vedono con sgomento la loro incapacità di tenere sotto controllo la Cina, ma non vi sono risultati efficaci. Da ciò la veemenza di fare un fronte decisivo ad Occidente e nel Pacifico avverso la Cina.

La Russia è  altra faccenda, eredita lo scontro  del passato sugli  armamenti , che persiste nel presente, la Russia però non ha potenza  espansiva come la Cina, non dispone dei capitelli cinesi,  delle merci da esportare, è sostanziosa negli armamenti e si lega ai paesi come l’Iran, la Siria, la Turchia che baruffano contro gli Stati Uniti e cercano sostegno, il che ha consentito alla Russia di penetrare nel Mediterraneo, sogno antico,  fondamentale per la Russia che non sbocco proprio.

Gli Stati Uniti si trovano in difficoltà sia nell’area del Pacifico, dove cercano di “isolare” la Cina(!) con il Giappone, Australia, Corea del Sud; sia nel Mediterraneo, in tal caso contro la Russia, inoltre il punto orientale dell’Occidente, l’Ucraina, è diventato spasmodico, dopo il cambiamento del  governo ucraino fattosi amico dell’Occidente, 2014, la Russia teme l’immissione dell’Ucraina nella NATO o nell’Unione Europea, e sostiene i secessionisti della Repubblica di Donetz, ne sorge un conflitto  poco noto ma crudelissimo, con  accresciuta vastità e recriminazione.

Indiscutibilmente, gli Stati Uniti cercano di destabilizzare la Russia nazionalista dell’attuale presidenza, il loro scopo è penetrare nelle risorse di quel Paese, immani e non ben attivate, la Russia ha materie prime non da altri possedute ma non le attiva, ripeto, come farebbe un energico capitalista statunitense. Ovviamente, i russi non intendono ricadere nel periodo del crollo dell’Unione Sovietica, quando taluni dirigenti del tempo credevano di diventre moderni e capitalisti svendendo ai capitalisti.

La presidenza dell’attuale Presidente originò dal nazionalismo russo, per arginare la svendita. Che questo nazionalismo comporta limiti di sviluppo è altra questione. Gli Stati Uniti cercano di trarre l’Unione Europea e paesi del Pacifico all’antagonismo con la Cina e con la Russia. L’Unione Europea vuole continuare a collaborare (commerciare) con la Cina e manifesta renitenze critiche contro la Russia. Cambia qualcosa dopo l’incontro dei Presidenti degli Stati Uniti e della Federazione Russa? Vi è una contraddizione nella politica dell’Unione Europea, se risponde al vero che la Cina ha scopi di dominio mondiale attraverso il dominio economico e nel tempo militare, “collaborare” con la Cina è suicida, noi arricchiamo chi ci vuole dominare, ed il modo in cui la Cina tratta gli oppositori è così visibilmente oppressivo che sperare un ravvedimento non è sognabile, e la dipendenza economica può condurre a sacrifici di libertà! Questo va detto.

Noi commerciamo con uno stato che vuole dominare in modo totalitario. Questa la verità. A noi la scelta. In quanto alla Russia. Non è un Paese totalitario, bisogna non aver conosciuto la Russia al tempo dell’ Unione Sovietica per ritenere che la presente ne è continuazione. Tra autoritarismo, presidenzialismo, sovranismo e totalitarismo vi è una spada che li separa. Conosco bene la Federazione Russa, ho scritto un libro in cui riferisco dialoghi con ambasciatori russi(Lavoratore imprenditore, 1999), la più gran parte dei russi è nettamente europea, quando pure ritengono l’Occidente corrotto, satanico,  sono i vecchi ortodossi che fomentano questa opinione, del resto che vi sia un rilassamento etico da noi, lo notimo noi da noi. Ed allora?Possiamo tentare l’azzardo di riavvicinrci alla civiltà russa, strabiliante, permeata di spiritualità, colta!? Certo, a segno di quanto siamo “materialisti” è incredibile “collaborare” con il totalitarismo cinese e fare i repulsivi con la Russia. Di sicuro la Russia è troppo grossa per essere contenuta dall’Europa, non sufficentemente grossa per diventare potenza planetaria, si potrebbero avere relazioni maggiori e di vicendevole vantaggio? Credere di averli con la Cina  mi sembra assai più rischioso. Ma è il rischio che stiamo correndo.

Noi aiutiamo il viaggio della Cina verso il dominio mondiale, e credere che alla fine gli Stati Uniti fermeranno tale dominio militarmente, perchè questa è la sostanza, è la peggiore follia di un percorso folle. Detto ciò che è scritto, l’Unione Europea dovrebbe farsi massimamente europea. Nazione europea delle nazioni europee.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )