La faccia tosta di Speranza: “Inizia la rinascita”. Riesumerà il libro (del 2020) sul Covid sconfitto?

martedì 18 Maggio 11:43 - di Lucio Meo

Per il ministro Speranza è il tempo di bilanci trionfali: “Si apre una fase di ripartenza e di rinascita e non c’è niente di più bello. Ci sarà da oggi un percorso di riaperture un passo alla volta e con i piedi per terra. Nella stagione che si aprirà dovremo ancora continuare a investire su quello che è salute”, dice nel corso del suo intervento all’evento ‘Gli italiani e l’agricoltura al tempo del Covid’, promosso da Coldiretti.

I vaccini, l‘allentamento del coprifuoco, il calo del numero di morti e contagiati: dopo un anno di errori, ritardi e gaffe, in coppia con Arcuri, dalla scomparsa del piano pandemico al flop della App Immuni, fino al tragico riemergere dei contagi per le misure scriteriate del governo, prima con Conte poi con Draghi, il ministro della Speranza, più che della Salute, ora vuole passare all’incasso politico. Come già aveva provato a fare l’estate scorsa, con quella improvvida decisione di pubblicare un libro (poi ritirato) sulla pandemia ormai alle spalle. 

Speranza parla di “passo decisivo” ma non cita Lega e Fratelli d’Italia

“Ieri c’è stato un passo decisivo in Cdm per leggere questa fase nuova che stiamo vivendo. Stiamo disegnando un orizzonte che ci porterà fuori dall’emergenza e oggi abbiamo gli strumenti che prima non avevamo: siamo arrivati a 28 milioni di dosi di vaccino Covid-19 somministrate e un cittadino su 3 ha avuto una dose”, ha detto a Coldiretti facendo riferimento anche all’allentamento delle misure su lockdown e coprifuoco, senza ricordare il pressing dell’opposizione di FdI e in parte della Lega di governo.

Il libro che potrebbe rispuntare adesso

Quel libro dal titolo “portasfortuna”, come dimostrato dalle cifre, “Perché guariremo. Dai giorni più duri a una nuova idea di salute ” di Roberto Speranza, risyulta tuttoggi introvabile perfino su eBay, se non a i prezzi sono da capogiro.

A pagina 13 la prima previsione sbagliata del ministro. “Il potere di questo maledetto virus ha i mesi contati”, come poi non ha dimostrato la seconda e la terza ondata, per non parlare di quella frase sul “ringraziamento” alla pandemia, che “ha dissodato per la sinistra un terreno politico molto fertile, un tempo in cui dopo tanti anni controvento perla sinistra ci sia una nuova possibilità di ricostruire un’egemonia culturale su basi nuove”. A breve, in edicola, scaramanzia permettendo?

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *