Sallusti: «È a sinistra che devono scusarsi per il loro passato comunista. Hanno amnesie enormi»

domenica 23 Maggio 12:48 - di Giorgia Castelli
sallusti

«Io sono Giorgia, l’autobiografia edita da Rizzoli di Giorgia Meloni, è appena uscita e già è in testa alle classifiche di vendita. Tanto per cambiare, il successo di pubblico non coincide con quello di critica». Lo scrive Alessandro Sallusti in un editoriale su Libero dal titolo Il peccato comunista. Non tocca alla Meloni ma Veltroni & C scusarsi per il passato. «Sui giornali – scrive Sallusti – si parla del libro per stroncarlo a prescindere: c’è la spocchia del critico letterario che scambia una biografia per un romanzo, cosa che non è, e c’è chi l’ha spulciato a caccia di anomalie nel racconto, manco fossimo in tribunale».

Sallusti: «Il solito vizio della sinistra radical chic»

Sallusti aggiunge: «E poi c’è chi – come ha fatto anche ieri Gad Lerner sul Fatto Quotidiano – contesta alla Meloni «amnesie e buchi neri» rispetto al fascismo. Premesso che non sono l’avvocato difensore di Giorgia Meloni, mi chiedo come in una sua autobiografia avrebbe potuto trovare spazio il fascismo, essendo la signora nata nel 1977, anno in cui Gad Lerner di anni ne aveva 23 e già faceva politica nel quotidiano Lotta Continua, l’organo della sinistra extraparlamentare il cui vertice fu condannato per l’omicidio del commissario Calabresi».

«Intendo dire – puntualiazza Sallusti – che ci risiamo con il solito vizio della sinistra radical chic, quello di non voler fare i conti con il proprio passato ma pretendere che lo facciano gli avversari, anche quando questi sono totalmente estranei ai fatti che gli vengono rinfacciati. Se un politico, solo perché di destra, può essere tranquillamente inchiodato al fascismo, che dire dei politici che hanno militato nel partito che incarnava l’ideologia che ha provocato la più grande tragedia del Novecento, cioè quella comunista? Gad Lerner è stato convintamente comunista e non mi risulta, per esempio, che abbia mai rinfacciato a Napolitano di essere non erede ma entusiasta sostenitore di alcuni dei crimini del regime sovietico».

Il duro attacco a Lerner e ai «suoi emuli»

Durissimo ancora Sallusti: «Gad Lerner e i suoi emuli, all’uscita di uno dei tanti libri di Veltroni o di D’Alema, non hanno mai scritto: sì, però non dici che sei stato comunista, cioè parente contemporaneo di chi ha prodotto i gulag, la privazione di libertà fondamentali e tanta povertà. No, si sono tutti genuflessi per tessere elogi, peraltro immeritati, alle capacità narrative dei compagni. Caro Gad, fattene una ragione. Giorgia Meloni non ha nulla a che fare con il fascismo, e se qualche nostalgico le si accoda in scia non è colpa sua. Se uno come Napolitano ha potuto indisturbato rimuovere il proprio passato e salire al Colle, significa che ognuno ha le sue amnesie. E quelle della sinistra sono grandi come una casa».

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )