L’ultimo saluto a Battiato: due vulcani in eruzione, Etna e Stromboli (video). “Non può essere un caso”

giovedì 20 Maggio 12:48 - di Lucio Meo

Per qualcuno, che ama abbandonarsi alle suggestioni, quelle due eruzioni in contemporanea con i funerali di Franco Battiato non possono essere un caso. I siciliani non sono scaramantici ma amano dare valore ai segnali della natura, soprattutto quando c’è di mezzo un loro illustre conterraneo, morto due giorni fa a 76 anni nella sua casa di Milo. Battiato va, l’Etna chiama, lo Stromboli risponde.

La morte di Battiato e le eruzioni dei due vulcani

Nella mattinata di mercoledì, mentre a Milo si svolgono in forma molto privata i funerali di Franco Battiato, l’Etna si è fatto sentire con una eruzione. Di lì a poco si è attivato anche lo Stromboli, come a salutare anch’esso il maestro. Oggi il fenomeno prosegue.

A Stromboli alta colonna di fumo di vede a distanza di chilometri. La colata sta arrivando in mare. Sono diverse le frane, piccole, provocate dal vulcano. “C’è stata una forte eruzione ma senza boato. Si è alzato un grossissimo nuvolone che però si è riversato sul lato di Stromboli, sul lato di Ginostra dove vivo io non è successo nulla”, dice all’Adnkronos  Gianluca Giuffrè, un abitante di Ginostra, che commenta la nuova eruzione del vulcano. “In questo momento il cielo si è oscurato – dice – sta cadendo sabbia, leggermente bagnata, segno evidente che tutto il materiale caduto in mare è risalito con il vapore acqueo. Ora stiamo cercando di appurare l’enittà del fenomeno”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica

Array ( [0] => ppm-bundle )
Array ( [0] => jquery [1] => paypal-ipnpublic-bn [2] => jquery-easy-ticker [3] => super-rss-reader [4] => wc-add-to-cart [5] => woocommerce [6] => wc-cart-fragments [7] => advanced-invisible-antispam [8] => bootstrap [9] => main [10] => wp-embed )