Di Battista domina la nuova versione del blog delle Stelle: è nato il partito parallelo del M5S

lunedì 3 Maggio 15:28 - di Marta Lima
Se non è una scissione o il battesimo di un nuovo movimento, poco ci manca. Cambia la grafica e spariscono i grillini, non c’è più spazio per tutti ma ce n’è tanto per Di Battista, ex M5S e attuale leader degli scontenti. Dai colori alla ‘mission‘, il Blog delle Stelle, dopo il divorzio tra M5S e Rousseau, cambia pelle. A partire dalla grafica, dove il giallo, colore ufficiale del Movimento, lascia il posto al rosso dell’Associazione Rousseau. Ma il restyling non è solo cromatico. Nella sezione ‘mission’ sparisce ogni riferimento al M5S: “Il Blog delle Stelle – si legge – è il blog ufficiale della piattaforma di democrazia diretta e partecipata Rousseau. È gestito dall’Associazione Rousseau con l’obiettivo di dar vita a un luogo di informazione e confronto laico, trasversale e partecipato, aperto a tutti quei cittadini che vogliono approfondire i fenomeni più rilevanti e i cambiamenti del mondo che ci circonda, e far sentire la propria voce portando avanti battaglie all’insegna del civismo inclusivo”. Di Battista parla di Casaleggio padre, ma i realtà parla con Casaleggio figlio a tutti gli iscritti al M5S.

Il blog che lancia il partito parallelo a quello ufficiale

Nella versione precedente compariva invece il seguente messaggio: “Il Blog delle Stelle è il blog ufficiale del MoVimento 5 Stelle. È gestito dall’Associazione Rousseau, con l’obiettivo di dar vita a uno spazio di informazione e di confronto tra attivisti ed eletti del MoVimento 5 Stelle a tutti i livelli”. E se prima il Blog ospitava “i contributi e le voci di tutti gli organi del MoVimento, dal Capo Politico agli esponenti del Governo, passando per i parlamentari e gli europarlamentari, i portavoce eletti nelle Regioni e nei Comuni, gli attivisti e il Garante”, oggi sul nuovo portale “trovano spazio i contributi e le voci di tutti gli esponenti della società civile: docenti, ricercatori, professionisti, esperti, politici e cittadini attivi in ogni campo. Con loro – conclude il post – l’Associazione Rousseau vuole costruire un potente media civico in grado di attivare concrete azioni di partecipazione attiva e di cittadinanza digitale”.

Secondo quanto si apprende, però, i parlamentari M5S potranno continuare a proporre i loro contenuti per il Blog ma solo all’interno di ‘slot’ dedicati. I post degli eletti pentastellati, dunque, appariranno con minore frequenza sul Blog delle Stelle: la settimana scorsa, a causa delle difficoltà finanziarie in cui versa la no profit, è stato comunicato ai dipendenti di Rousseau l’avvio della cassa integrazione, circostanza che ha causato un rallentamento dell’attività editoriale del Blog.

La nuova versione con Alessandro Di Battista e il M5S

Politicamente rilevante è, inoltre, la scelta del pezzo di apertura di oggi, quasi una consacrazione della sua leadership per un nuovo partito parallelo a quello del M5S. In homepage sul Blog delle Stelle appare infatti un articolo dell’ex deputato Alessandro Di Battista, uscito dal M5S sbattendo la porta dopo la decisione dei vertici grillini di appoggiare il governo Draghi. “Chi era Gianroberto Casaleggio”, il titolo del post di Di Battista, presentato sul Blog come “attivista politico”.

“Solo la sua morte (e oltretutto nemmeno in modo definitivo) ha chiuso la stagione delle calunnie e delle infamità nei confronti di un grande italiano come Gianroberto. Vi chiedo di guardare questo video in cui mi sono anche commosso ricordandolo e ricordando quel che ha fatto per me. Ci sono idee potenti nel suo pensiero. Ancor più potenti oggi che il conformismo ha ripreso a dilagare. Tanti di voi hanno letto di Gianroberto e il più delle volte hanno letto menzogne. Ebbene poco a poco quelle bugie perdono forza e resta solo l’ammirazione, l’affetto, la gratitudine e la voglia di lottare”, si legge nell’articolo che accompagna il video dell’ex parlamentare, il quale ha annunciato un possibile ritorno in politica dopo settembre.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sostienici

In evidenza

News dalla politica