I medici no vax incompatibili con la professione: rischiano la radiazione dall’Ordine

2 Gen 2021 18:45 - di Redazione

“I medici no vax sono quelli che negano la validità del vaccino. Questo è incompatibile con la professione. Non è una cosa possibile. I medici sono parte integrante della comunità scientifica. In questi casi l’Ordine interviene comminando sanzioni, che arrivano anche alla radiazione. Molti medici no vax – in passato – sono stati radiati”. Così all’Adnkronos Salute il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici e degli Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, che fa però un distinguo: “Diversa la questione di chi non vuole vaccinarsi”.

Il vaccino strumento essenziale per la professione

“Negare il vaccino – sostiene Anelli in riferimento ai medici no vax -sarebbe come se un ingegnere negasse la validità di fare i calcoli per valutare quanto ferro mettere all’interno di un pilastro per costruire un ponte. E’ uno strumento fondamentale per la professione. Se neghi i calcoli non puoi costruire un ponte”.

Diverso il caso di chi non vuole vaccinarsi

Quanto ai medici che non vogliono vaccinarsi, in questo caso contro Covid-19, “la questione è diversa – spiega il presidente Fnomceo – perché bisogna bilanciare il diritto dell’individuo, in assenza di una legge che rende obbligatoria esplicitamente la vaccinazione, rispetto al dovere deontologico e anche alle norme di legge che prevedono che il vaccino diventi un requisito per non danneggiare gli altri”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SUGERITI DA TABOOLA