Milano, immigrato marocchino sferra un pugno alla tempia di un agente e tenta di derubarlo

venerdì 2 Ottobre 9:24 - di Gianluca Corrente
Milano

Caos nelle strade di Milano. Un immigrato marocchino di 31 anni ha perso il controllo della sua auto e si è schiantato contro diverse auto in sosta. Poi ha aggredito un poliziotto che aveva cercato di fermalo mentre fuggiva a piedi, provando persino a rapinarlo. Gli uomini della Volante sono intervenuti per aiutare l’agente (che era fuori servizio) e hanno arrestato lo straniero.

Milano, la ricostruzione dei fatti

Il poliziotto era vestito in abiti civili. Ha sentito il boato provocato dall’incidente. Erano le prime ore del mattino e nel silenzio lo scontro tra le auto ha causato un rumore ancora più forte. Un uomo era appena sceso dall’auto in mezzo alla strada e aveva iniziato a correre a piedi per fuggire.

L’aggressione all’agente fuori servizio

A quel punto l’agente ha deciso di inseguirlo. Dopo essersi identificato come pubblico ufficiale, gli aveva intimato di fermarsi. Ma non c’era niente da fare. Quando il poliziotto lo ha raggiunto, l’immigrato marocchino si è scagliato contro di lui. Prima gli ha strappato il borsello che portava a tracollo. Poi gli ha sferrato un pugno sulla tempia.

L’arresto dell’immigrato marocchino

Alla fine, il marocchino è stato arrestato per rapina, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.

Per continuare a leggere l'articolo abbonati oppure accedi

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica