Mascherina tiranna, ex pompiere minaccia di tagliare la gola al sindaco. Arrestato

sabato 17 Ottobre 18:36 - di Redazione

Un vigile del fuoco in pensione di Wichita, in Kansas, è stato arrestato. Aveva minacciato di rapire ed uccidere il sindaco democratico, Brandon Whipple, colpevole ai suoi occhi di aver ordinato l’obbligo della mascherina nei luoghi pubblici. La polizia ha spiegato di aver agito nei confronti del 59enne Meredith Dowty a seguito delle “minacce” rivolte a Whipple. Lo stesso sindaco ha spiegato che l’ex pompiere diceva di “volermi rapire e tagliare la gola” a causa “della tirannia delle mascherine“.

Chi è l’ex pompiere arrestato

Secondo la stampa locale, Dowty nel 2008 aveva ricevuto un riconoscimento speciale dalla città. E questo per aver salvato la vita ad un agente che durante una sparatoria aveva riportato alcune ferite. Il suo arresto avviene dopo quello di diversi membri di una milizia di estrema destra in Michigan che stava pianificando di rapire ed uccidere la governatrice democratica, Gretchen Whitmer.

Le proteste no mask negli Usa

Negli Usa sono soprattutto i seguaci di QAnon gli animatori delle proteste no mask.  Si tratta di una teoria cospirazionista che ipotizza l’esistenza di un’élite mondiale di pedofili. Hanno manifestato contro le restrizioni alla libertà di movimento adottate da Stati come Virginia, Michigan e Minnesota. Misure che i manifestanti hanno bollato come bolsceviche.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica