Nei parchi di Vicenza il discount della droga che attirava i giovanissimi: arrestati 27 pusher africani (video)

martedì 28 Luglio 16:23 - di Luciana Delli Colli
droga parchi

Sono per lo più nigeriani e gambiani i 27 stranieri arrestati a Vicenza nell’ambito di una vasta operazione anti droga chiamata “Warning”. Gli africani spacciavano indisturbati nei parchi pubblici Campo Marzio e Fornaci, rifornendo di ogni tipo di droga una clientela fatta anche di minorenni. Per 23 di loro sono scattati gli arresti in carcere, per altri quattro i divieti di dimora nel Comune. All’operazione, durante la quale sono state svolte anche diverse perquisizioni domiciliari, hanno partecipato oltre 120 agenti.

Il “discount” della droga nei parchi di Vicenza

L’indagine è durata mesi e ha visto il coinvolgimento dello Sco, della polizia scientifica e della direzione centrale per i servizi anti droga. Nel corso delle operazioni, alle quali hanno partecipato anche agenti sotto copertura, è emerso che i pusher vendevano eroina, cocaina e marijuana a prezzi estremamente competitivi, rivolgendosi anche ai giovanissimi. Lo spaccio nei due parchi avveniva in pieno giorno; spesso andava avanti fino a sera, di fatto dando vita a una sorta di zona franca ormai in mano ai pusher. Inoltre, gli africani vendevano la droga anche nelle zone limitrofe e, in particolare, nell’area intorno alla stazione.

L’organizzazione dei pusher africani

Durante le indagini, inoltre, gli investigatori hanno potuto accertare che gli spacciatori non agivano singolarmente, ma organizzati tra loro, ricostruendo così “un quadro unitario, in relazione al contesto territoriale, all’intensità dello spaccio, al vasto numero di acquirenti, alla diversità di droghe acquistabili, all’esistenza di un’organizzazione tra gli indagati, ai guadagni”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica