Feltri si dimette dall’ordine dei giornalisti. Sallusti: «Chi sgarra finisce nelle grinfie del soviet»

venerdì 26 giugno 11:39 - di Redazione
Feltri

Vittorio Feltri non è più giornalista, non nel senso giuridico del termine. Dopo cinquant’anni di carriera si è dimesso dall’Ordine rinunciando a titoli e posti di comando nei giornali. Compreso nel suo Libero (lo fondò nel 2000)”. Lo scrive in un editoriale in prima pagina il direttore del “Giornale”, Alessandro Sallusti. Non è un bel giorno per la libertà di espressione. “Immagino che sia una scelta dolorosa per sottrarsi una volta per tutte all’accanimento con cui da anni l’Ordine dei giornalisti cerca di imbavagliarlo e limitarne la libertà di pensiero».

Feltri e le regole dell’Odg

Processi disciplinari per presunti reati di opinione si sprecano, oltre alle  continue minacce di sospensione e radiazione.  Sallusti critica  le regole che governano l’Ordine dei Giornalisti e va giù duro,  sottolineando che “per potere continuare a scrivere, Vittorio Feltri – immaginando di essere di qui a poco ghigliottinato, penso io – ha dovuto rinunciare al suo mestiere”.

“Se non ti penti ti condannano alla morte professionale”

Almeno formalmente la categoria perde uno dei giornalisti che – piaccia o no -hanno scritto la storia di questo mestiere. Non ipocrita, non convenzionale, voce fuori dal coro, allergico al politicamente corretto e alle gabbie ideologiche. «Certo, è per questo che piace». Oppure non piace. Ma questo dovrebbe essere è il sale del confronto delle idee. Spesso sopra le righe per gli intellettuali di sinistra, che pretendono di presidiare pure lo stile di come si debba scrivere. «Chi sgarra finisce nelle grinfie del soviet che, soprattutto se non ti penti pubblicamente, ti condanna alla morte professionale». Non si può che condividere.

“Io mi auguro che le centinaia di colleghi ai quali negli anni Vittorio Feltri ha offerto lavoro e insegnato un mestiere – scrive Sallusti-  oggi abbiano un sussulto di orgoglio; e da uomini liberi facciano sentire la loro voce». L’augurio è che Feltri prosegua a  scrivere liberamente, anche da non giornalista. Per la cronaca, la lettera di dimissioni di Feltri (dall’Odg) è stata effettivamente depositata al consiglio della Lombardia. Ma il Consiglio deve riunirsi per accettarle e cancellarlo”. Così si esprime sulla faccenda il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna.

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica