Meloni al Secolo: “Si voti contemporaneamente per regionali e politiche”

14 Mag 2020 6:00 - di Francesco Storace
Giorgia Meloni

Mi corre l’obbligo, però, di sottolineare che, ad oggi, noi non sappiamo assolutamente nulla su come il governo intenda spendere i 55 miliardi del decreto rilancio malgrado i voti dell’opposizione siano stati determinanti per approvare lo scostamento di bilancio che ha permesso di stanziare queste ulteriori risorse. Quando in passato il presidente Mattarella ci ha richiamato all’unità nazionale e alle nostre responsabilità abbiamo risposto alla richiesta: speriamo che adesso il Capo dello Stato ponga la questione anche al governo, che ritiene di non doversi confrontare con le opposizioni perché evidentemente troppo occupato a mettere d’accordo i partiti della maggioranza”.

Portiamo in Parlamento la voce degli italiani

Basta ancora l’opposizione a palazzo?

“Noi non abbiamo mai fatto l’opposizione a palazzo: ricordo che Fratelli d’Italia è stato il primo partito a scendere in piazza di fronte a Palazzo Chigi, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza previste per l’emergenza covid-19 e non è escluso che lo rifaremo ancora.
Mantenere le distanze e rispettare le regole, infatti, non significa restare in silenzio come vorrebbe il governo.
Vogliamo farci portavoce delle richieste del popolo italiano, che ha dimostrato maturità, pazienza e grande senso di responsabilità in questi mesi di emergenza malgrado i ritardi siano diventati ormai una prassi consolidata di questo governo tanto da far diventare il “decreto rilancio” il “decreto ritardo”.
I nostri cittadini sono stati un passo avanti alla politica e hanno dato una lezione a tutti coloro che in questi anni li avevano descritti come irresponsabili o inaffidabili. Finalmente questa narrazione è stata interrotta e tutto il mondo ha visto quando grande sia il popolo italiano. È su questo che l’Italia ha dato l’esempio e non di certo per come si è mosso il governo”.

Da noi dialogo aperto con le categorie

Riuscirà l’opposizione a farsi portavoce delle istanze di tanti soggetti sociali?

“Nelle ultime settimane abbiamo organizzato moltissime videoconferenze a cui hanno preso parte tutte le associazioni di categoria e tantissimi esponenti di settori in sofferenza per la mancanza di risposte da parte del governo. Abbiamo trasformato in proposte quei momenti di confronto e speriamo che qualcuno voglia ascoltare il grido che arriva dal territorio e dall’economia reale.
Fratelli d’Italia continuerà a portare in aula queste istanze per dar voce a centinaia di migliaia di italiani, gli stessi che alla fine di questa emergenza avranno il compito di giudicare l’operato di un governo che malgrado una propria palese incapacità di dare risposte, sta continuando a rifiutare con presunzione ogni possibile collaborazione”.

Ragionevolmente si può sperare in elezioni con le regionali d’autunno o dobbiamo rassegnarci ad arrivare a fine legislatura?

“Se si discute in questi giorni dei tempi delle elezioni regionali non capisco perché non si possa votare anche per le politiche. Credo che questo Parlamento non possa fare nulla di particolarmente buono perché al suo interno non ci sono e non ci saranno mai maggioranze coese. È utopico immaginare che le cose possano andare meglio, quando si parla di governo di larghe intese, sintetizzando i risultati dei governi gialloverde e giallorosso. Dobbiamo distinguere l’emergenza sanitaria da quella economica: quella sanitaria durerà, spero, solo settimane ma per la ricostruzione economica serviranno anni. È la ragione per la quale dico che l’Italia ha bisogno di un governo coeso, con una chiara visione economica e che sia scelto dagli italiani”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

  • Vincenzo Marotta 18 Maggio 2020

    Tornare alla Democrazia e dare il diritto agli Italiani di votare al più presto e di scegliere la maggioranza che ritiene più giusta per potersi salvare in questo momento di grave emergenza sociale ed economica in cui stiamo per perdere tutti i capisaldi della nostra cultura del nostro diritto, della nostra economia e stato sociale. Questo deve essere il compito principale del Capo dello Stato ed il suo impegno ad attuarlo nei prossimi mesi, pochi.

  • sergio 17 Maggio 2020

    speriamo di poter votare il più presto possibile,però,quando il centro destra andrà finalmente al potere vorrei da cittadino esprimere la mia direttiva: eliminare questa egemonia vergognosa dello stato sulla scuola( scuole paritarie devono avere la parte più significativa nell’istruzione) liberare i privati e le aziende da tutta le leggi che frenano l’economia perché producono ricchezza,tassa piatta 2 aliquote,mettere questa magistratura scandalosa e vergognosa in condizioni di non nuocere all’economia del paese e ai soggetti che producono ricchezza.le più alte cariche dello stato devono essere elette dai cittadini.il legislatore quanto emana una legge DEVE dire anche la pena in modo che sia certa e nessun magistrato possa cambiare.altrimenti siamo rovinati, ricordiamoci cosa diceva Cartesio:troppi avvocati pochi economisti comanda la norma. deve comandare chi produce ricchezza

  • Pino 16 Maggio 2020

    Una fonte di cancro del nostro paese è una magistratura che si e trasformata da ordinamento dello stato in una scomposizione in mafie interne per il controllo assoluto del paese stesso. Controllo della politica, delle grandi aziende fino al piu piccolo artigiano con il controllo tramite csm di cui mattarella è parte, per mezzo della possibilità di dare ordini diretti ineludibili a polizia, guardia di finanza e tutti i corpi armati del paese.
    Questa è l’organizzazione delle organizzazioni che in silenzio si e impossessata col terrore di tutto quanto a cui vuole arrivare. Il suo smantellamento totale sarà il futuro, la frontiera della libertà del paese. Siamo un’esperimento bloccato in altre nazioni che fa strada da noi per il cervello ormai piegato al ragionamento mafioso di troppa parte della popolazione che campa di sfruttamento di chi produce, esattamente come i preti e la magistratura. Chissà come mai chi ci governa non ha studiato i fondamentali che la storia ci insegnerebbe, se la sapessero leggere. Grazie a chi approvo’ la cancellazione del mattone che i nostri padri fondatori posero nella prima carta costituzionale impedendo alla magistratura le indagini e controllo sulla politica….. Tornare al passato per camminare nel futuro.

  • Alvaro 14 Maggio 2020

    Volesse il cielo!! Perchè non rimane che Lui a cui rivolgersi. Visto che questi sinistri figuri pur di rimanere attaccati alla poltrona sarebbero capaci delle cose più orribili.

  • Laura52 14 Maggio 2020

    Ma Mattarella c’è ancora? Pensavo fosse morto!

  • Adelio Bevagna 14 Maggio 2020

    bisogna occupare il parlamento…e la piazza antistante.

  • Rodolfo 14 Maggio 2020

    E’ ora di tirare in ballo il presidente della repubblica che tace e quando parla dice le solite cose, ormai stantie. E’ ora di porlo dinnanzi alle sue responsabilità dato che questo governo di incapaci è opera sua. E’ ora di porlo davanti al disastro socio economico creato conte, di maio e renzi. Anche perchè il suo troppo elevato appannaggio lo paga il popolo.

  • giovanni vuolo 14 Maggio 2020

    Un vano sogno di esercizio democratico. Ormai lo spirito dittatoriale di questi governo reprime ogni libera scelta dei cittadini. Ed il virus, ha facilitato la repressione, offrendo facile pretesto per bandire ogni manifestazione ostile al regime, che viene prontamente sanzionata per rischio pandemico.

  • Menono Incariola 14 Maggio 2020

    Forse sarebbe opportuno evitare di continuare a ritenere pubblicamente “super partes” un Presidente della Repubblica che, quando non latita, fa quanto e’ in suo potere per NON ESSERE IL PRESIDENTE DEGLI ITALIANI, MA UN VICERE’ DELLA UE.

  • Menono Incariola 14 Maggio 2020

    Se si vuole dar voce a milioni di Italiani, non si pensi di farlo con un “governo di salute pubblica”, o, peggio, evitando di fare opposizione “data la gravita’ del momento”: diventerebbe una variazione sul tema dell’ “opposizione responsabile” di berlusconiana memoria. Le uniche cose che vanno fatte sono quelle che ABBREVIANO LA VITA DI QUESTO SGOVERNO E PORTANO AD ELEZIONI. Tanto, finche’ durera’, ha per mandato interno di DISTRUGGERE QUANTO PUO’ IL SISTEMA ITALIA E RENDERE IMPOSSIBILE LA VITA AGLI ITALIANI.

  • Cervohold 14 Maggio 2020

    Giustissimi, ma è tutto regolare, questi cialtroni sanno solo comperare voti e consenso a debito, spargendo piccoli contributi a pioggia inutili, senza risolvere alcun problema, anzi incancreniscono le situazioni di difficoltà degli operatori economici con regole e limitazioni sempre più assurde ed onerose.
    I 5 stalle non vogliono il MES finalizzato alla sanità, perchè vogliono miliardi a babbo morto per alimentare le clientele elettorali e i DS sono ancora peggio, perchè ci mettono anche il pauperismo catto-comunista; dei 55 miliardi stanziati per la ripresa economica ci sono solo poche briciole………..è un imperativo categorico cacciarli al più presto.

  • Aurora De palma 14 Maggio 2020

    Noi abbiamo capito che questo governo vi ha fregato. Come: dicendovi di PARTECIPARE ma in definitiva ha carpito idee strategia buonsenso e buonafede, e solo a distanza attua i vs contributi facendoli passare per loro idee. Inoltre non andranno MAI a casa ora che hanno in mano la parte buona del “pugnale”. Si vede dalla atteggiamento poco litigioso di tutti icomponenti del governo e non come a dire parla che ti ascolto senza sentire, atteggiamento di indifferenza. Dovete cambiare strategia. Innanzitutto toglietevi dal dare consigli fateli sbagliare da soli.Troppi commenti e troppa chiacchiera. Così li avete aiutati a restare

  • Pino 14 Maggio 2020

    E’ proprio Mattarella l’artefice di tutto e non mollerà l’osso. Ha in mano tutto e tiene in ostaggio l’Italia anche rendendola serva di Francia e Germania. Se non ci provvede qualcuno lassù risolvendo il problema con una soluzione tombale- non se ne esce!

  • eddie.adofol 14 Maggio 2020

    BISOGNA FARE UN COMIZIO E ASSEMBRAMENTO DAVANTI AL QUIRINALE E PROTESTARE CONTRO MATTARELLA CHE E’ LUI CHE STRAVOLGENDO LA COSTITUZIONE CHE LUI TANTO BENEDICE LA VERA MAFIA STA NELLA POLITICA DELLA SINISTRA.

  • eddie.adofol 14 Maggio 2020

    Cara Giorgia MELONI ti ricordo che SALVINI l’hanno messo all’angolo con il procedimento di luglio che come tutti sanno si dovrà presentare in Sicilia davanti ai giudici su BERLUSCONI non farci troppo affidamento basta che se magna—-sai che non ha collaborato al 100×100, perciò se non hai ancora capito questo governo di abusivi non vuole andare a votare ne adesso ne mai e sta cercando in tutti i modi di arrivare al semestre BIANCO, cosi poi si fermerà ogni forma politica e di assembramenti e di comizi in piazza perché comunque le prefetture ve lo vieteranno, possono fare comizi soltanto le sardine e le madonne che vanno ad aiutare i mussulmani a fare la guerra con i soldi dell’Italia. GUERRA CIVILE