Il sindaco di Lampedusa: «Sbarchi di migranti a raffica, non ce la facciamo più. Siamo in ginocchio»

mercoledì 6 maggio 13:56 - di Aldo Garcon
Lampedusa

Lampedusa presa d’assalto. «Con i 156 migranti sbarcati stanotte, ci sono sull’isola 380 migranti, se non è emergenza questa, insieme al Covid e all’emergenza economica». Così il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello ai microfoni di Skytg24 sottolineando che «116 migranti stanno per essere trasferiti nell’hotspot». «Non sappiamo dove mettere altri migranti – continua Martello – abbiamo chiesto una nave di fronte al porto che potesse ospitarli ma non abbiamo ricevuto ancora alcuna risposta».

Il sindaco Martello: «Siamo in piena emergenza»

E poi ancora: «Non sarebbe il caso che una volta al largo, visto che sul molo ci sono già dei migranti, vengano trasferiti direttamente sulla terraferma? Per mettere in sicurezza chi arriva e chi sta sull’isola. Non voglio creare allarmismi, ma se non è un’emergenza questa non so come definirla». Il sindaco ha lanciato un grido d’allarme per la situazione sull’isola. «Siamo costretti a lasciare i migranti sul molo Favaloro. Perché non abbiamo una struttura, lo Stato dovrebbe intervenire. – sottolinea Martello – L’isola è in ginocchio».

«Lampedusa non potrà ripartire solo coi siciliani»

Ripartenza? «Lampedusa non potrà ripartire con i siciliani. Il 90% dei turisti arriva solitamente dalle 4 regioni più colpite da Covid, cioè Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Come si fa a dire che partiremo? E non abbiamo nessuna risposta ai continui appelli lanciati al ministro dell’Economia per capire cosa accadrà nelle isole minori e a Lampedusa in particolare non appena si dirà che si può ripartire».

Piena emergenza

Complessivamente, i migranti sbarcati a Lampedusa dalla scorsa domenica sono 422. Di questi, 82 ieri, 5 maggio, sono stati trasferiti, con il traghetto di linea per Porto Empedocle. Mentre il giorno prima, la stessa cosa era accaduta ad altri 78. Sul molo Favarolo sono state allestite dalla Protezione Civile le tende per i controlli legati al coronavirus. Attualmente, ci sono oltre duecento profughi. Ieri sera, ne erano rimasti, in attesa del trasferimento previsto per oggi, 64.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Stefano 13 maggio 2020

    Pazzesco fra poco a Lampedusa ci saranno più migranti che Italiani, che disastro, stiamo assistendo ai risultati di un Governo fallimentare su ogni questione.

  • Salvatore 10 maggio 2020

    Mi dispiace tanto per la popolazione di Lampedusa, ma Lei Signor sindaco non era per l’accoglienza d’accordo con il governo?. Cordiali saluti.

  • Anna Arcangeli 7 maggio 2020

    Faccio la spesa, vado dal dottore insomma comunico molto con i miei simili e so per certo che moltissimi sono stanchi degli “stranieri” irregolari che sono sul nostro territorio. Sono stanchi di pagare “l’obolo, sotto forma di tasse, e posso dire che i sindaci del sud non fanno pena a nessuno, perche’ se appen, appena, avessero dimostrato piu avversione per tutti gli sbarchi ora non sarebero costretti a subire tutte le conseguenze del loro atteggiamento permessivo e interessato allo sbarco di profughi. Siamo in molti a chiederci se chi comanda e’ consapevole che se continuano a sbarcare anche il loro posto in parlamento e’ a rischio, vedere quello che sta accadento in Francia e in altri parte dell’Europa; vengono come agnelli ma poi si trasformano in lupi.
    Non e’ vero che Salvini e’ al 28%, conosco circa un centinaio di persone e sono tutti con Salvini, i sondaggi sono pilotati, io ho lavorato per anni nei centri di elaborazione dati e posso dire che spesso alcuni dati vengono manipolati.

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica