Salvini: «Ho giurato sull’articolo 52 della Costituzione e difenderò i confini nazionali»

sabato 22 Febbraio 19:04 - di Martino Della Costa
Matteo Salvini Ansa Foto

Matteo Salvini in visita alla Cittadella del Carnevale di Viareggio parla coi i giornalisti. E non ha alcuna voglia di scherzare. Sminuire. Ironizzare. Su niente. Parla a tutto campo, il leader del Carroccio, e dal coronavirus all’inconcludenza dell’esecutivo giallorosso, non risparmia critiche e non lesina a se stesso l’opportunità di togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Vediamo, riassunti per punti, i temi affrontati nelle sue dichiarazioni.

Salvini a tutto campo: i 5 punti sulla «difesa della patria»

  1. Sull’emergenza coronavirus. «Stiamo lavorando perché il problema non diventi un disastro. Per evitare danni ulteriori controlliamo e chiudiamo». Eppure, aggiunge il leader leghista, «abbiamo un governatore in Toscana che diceva che chi voleva i controlli è un “fascioleghista”. Ce la metteremo tutta. Se ci date una mano proveremo a fare il possibile e l’impossibile per liberare la Toscana da certa gente che non merita di governare una terra bella come quella».
  2. Sulla «difesa della Patria». «Ho giurato sull’articolo 52 della Costituzione che dice che la difesa della patria è un dovere. E per difendere i nostri confini sono pronto a dare la vita». Non usa mezzi termini o perfirasi interlocutorie, Matteo Salvini, di fronte alla platea di Torre del Lago, frazione del comune di Viareggio (Lucca), dove ha inaugurato la sede locale del Carroccio. Poi aggiunge: «A primavera andrò in tribunale a Catania a difendere una cosa che è un dovere e non un diritto: la difesa della patria. Sono anche curioso di andare in tribunale a Milano perché sono stato denunciato da Carola Rackete. Un conto è salvare il naufrago. Un conto è il business dei viaggi organizzati dalla malavita. E se i loro complici speronano una nave della Guardia di finanza, devono andare in galera. E invece mi denunciano… È un paese strano»…
  3. Sui processi e Carola Rackete. «Mi costerà qualche processo ma lo avevo promesso: quando torna la Lega al governo in Italia entra soltanto chi ha il permesso». E sui salvataggi in mare chiarisce: «È ovvio che se io vedo una persona che ha bisogno mi fermo e la salvo. Ma una cosa è salvare un naufrago e riportarlo a terra. Un’altra è il business dell’immigrazione clandestina organizzato dalla mafia e dalla malavita. Quelli non sono naufragi, sono viaggi organizzati dalla malavita e quelli che li aiutano sono complici», ha concluso Salvini.
  4. La replica agli attacchi di Zingaretti. «Oggi c’è l’assemblea del Pd e Zingaretti ha lanciato la sua battaglia di oggi: abolire i decreti sicurezza. Uno non ci crede: in una giornata complicata come quella di oggi, il segretario del partito di governo di cosa si occupa? Di smontare i decreti sicurezza di Salvini… E poi conclude dicendo comunque anche sulla vicenda del coronavirus “Salvini si deve vergognare”. Abbiamo gente pericolosa per sé e per gli altri al governo e prima li mandiamo a casa meglio è»…
  5. «Alla Fornero non si torna». «Se questi proveranno a tornare alla legge Fornero e ad aumentare l’età per andare in pensione, faremo veramente le barricate dentro e fuori il Parlamento, perché non si torna alla legge Fornero, costi quello che costi». Del resto, aggiunge a stretto giro Salvini, «gli italiani sono affezionati alla Lega. Siamo il primo partito perchè quello che promettiamo lo facciamo». Quindi le promesse rilanciate ancora oggi, così come i no di sempre, ribaditi ancora poco fa, possono essere considerati una certezza.

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Carlo Cervini 24 Febbraio 2020

    Caro Matteo e cara Giorgia, i sinistri non giurano sulla Costituzione, ma sui dettami della Bibbia Lelinista-stalinista, per loro tutto si può sacrificare per il sol dell’avvenir………… in particolare la libertà della persona, che ha diritto ad esistere solo se funzionale alle loro follie teoriche. Bisogna combatterli senza tregua e rimuoverli dai posti di comando delle Istituzioni, stanno distruggendo l’Italia.

  • Francesco Ciccarelli 23 Febbraio 2020

    Mi spaventa più la stupidità che le guerre e le epidemie zona!

  • Emergenza Coronavirus

    In evidenza

    News dalla politica