Pd all’attacco dei decreti sicurezza: faranno una nuova legge sull’immigrazione

mercoledì 15 gennaio 11:33 - di Redazione
Pd all'attacco

Pd all’attacco sui decreti sicurezza. Lo ribadisce Graziano Delrio, capogruppo dem alla Camera, in un’intervista a Repubblica. “Dopo la legge di bilancio – dice – è arrivato il momento di intervenire sui decreti Salvini. Partendo dalle cose che sicuramente condividiamo e che abbiamo già scritto: accogliere i rilievi datti dal presidente della Repubblica e scrivere una nuova legge sull’immigrazione che superi l’emergenza e affronti il problema dal punto di vista strutturale. Con decreti flussi, persone che arrivano con nome e cognome, viaggi regolati dalle ambasciate e non affidati a scafisti senza scrupoli”.

Delrio ammette inoltre che il Pd non sa trovare al momento le risposte giuste ai bisogni che salgono dal basso. “La sinistra deve trovare il suo modo di rispondere a paura e solitudine. Che non sono solo frutto delle diseguaglianze, sono qualcosa di ancora più profondo”.

Ad Agorà, su Raitre, il capogruppo del Pd ha anche ammesso le difficoltà nell’alleanza col M5S: “C’è un problema nel modo in cui stiamo governando, in cui stiamo insieme. In questi primi mesi di governo è sembrato che la squadra non giocasse tutta insieme, che ognuno andasse un po’ per conto suo. Che vuol dire che il governo deve presentarsi ai cittadini con obiettivi chiari, con uno sforzo comune senza che ognuno esca dal campo dicendo questo è mio, questo è tuo. Perché così non funziona. Si vince insieme o si perde insieme. Questa è la sfida del governo”.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • maurizio pinna 15 gennaio 2020

    E’ da tempo che nei santuari comunisti televisivi si parla di traghettati, citando in modo approssimativo e ciabattone, “leggi del mare” e simili. La Storia del Diritto del Mare insegna che una parte del Diritto Internazionale che attiene al caso in questione risale addirittura al Congresso di Berlino del 1878, ma soprattutto , poiché il fenomeno dei traghettati con le ONG è cosa recente, leggi specifiche non ve ne sono e tutto diventa libera interpretazione e talvolta anche arbitrio giuridico, fino alla personale opinione degli onorevoli imbarcati di questa estate per i quali pur di garantire i loro pupilli tutto era lecito, compreso l’abbordaggio. Comunque facciano pure una nuova legge, sarà senz’altro pasticciata, demagogica e irrilevante, a perpetua testimonianza dell’incapacità congenita di codesti mestieranti.

  • giovanni vuolo 15 gennaio 2020

    Tutta propaganda a ridosso delle regionali. Ma già dal 27 gennaio, si tornerà alla solita consuetudine dell’invasione incontrollata.

  • In evidenza