Open, Renzi furioso. In aula cita Moro: «Non ci lasceremo processare nelle piazze»

giovedì 12 dicembre 13:02 - di Mia Fenice
Renzi

Matteo Renzi interviene al Senato nel dibattito sul finanziamento ai partiti e sulla fondazione Open. E cita Aldo Moro. «Nel ’77 il presidente Moro alla Camera utilizzò parole notevoli nei confronti di altre forze politiche e di chi voleva processare nelle piazze il suo partito, “non ci lasceremo processare nelle piazze”. Le ripetiamo e ce le diciamo». E poi ancora: «Quella vicenda ha segnato la storia istituzionale del Paese per la sua conseguenza più alta, le dimissioni di Giovanni Leone costretto a lasciare il Quirinale, non perché coinvolto ma in ragione di uno scandalo montato ad arte e che trovo doveroso che venga ricordato qui».

Renzi e l’inchiesta sulla fondazione Open

Il suo è un attacco durissimo alla magistratura. E ha come centro l’inchiesta della procura di Firenze sulla fondazione Open dove sono indagati Alberto Bianchi e Marco Carrai per finanziamento illecito. «La magistratura – ha detto l’ex premier – pretende di decidere cosa è un partito e cosa no. E se al pm affidiamo non già la titolarità dell’azione penale ma dell’azione politica, quest’Aula fa un passo indietro per pavidità e lascia alla magistratura la scelta di cosa è politica e cosa non lo è».

«È stato commesso un reato»

Nelle indagini sulla fondazione Open è stata fatta «una retata che descrive come criminale qualsiasi tipo di finanziamento privato. Fatto con forme regolari. Questo è il punto». Sottolineando che «c’è un reato in questa vicenda che nessuno vuole vedere. Ex art 326, la violazione del segreto d’ufficio e riguarda vicende personali. Se nelle stesse ore della perquisizione c’è la pubblicazione di dati sensibili. Che, solo la banca d’Italia, la procura e la Guardia di finanza hanno c’è un corto circuito».

«Servono soldi puliti»

Per il leader di Italia Viva, «è accaduta una cosa semplice: contributi regolarmente dati alla fondazione sono stati improvvisamente trasformati in contributi irregolari. Se questo non è chiaro, il punto è che può accadere a ciascuno di voi». «Per distruggere la reputazione di un uomo può bastare la copertina di qualche settimanale. Ma per ricostruire quella reputazione servono anni e anni», ha detto ancora Renzi. «Servono soldi regolari, puliti e trasparenti per fare politica. Io non ci sto nello Stato etico di chi vuole trasformare in un processo il principio di opportunità della politica».

 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Emergenza Coronavirus

In evidenza

News dalla politica